Esonerare Stramaccioni? Ne’ adesso ne’ a fine anno, a meno che…

Inter - BolognaGli ultimi risultati dell’Inter in campionato non inducono certo all’ottimismo, e chiudono piuttosto a doppia mandata ogni porta verso qualunque sogno tricolore. In verità, viste le recenti uscite, non c’è di che ben sperare neppure per la lotta ad un posto Champions, ma il calcio insegna come bastino due partite per capovolgere ogni tipo di situazione, nel bene come nel male. Nei primi tre mesi di questi campionato l’Inter fu nominata “anti Juve” per eccellenza, titolo guadagnato sul campo con la netta vittoria perpetrata ai danni della squadra Campione d’Italia, peraltro allo Juventus Stadium, sin lì mai violato.

Dopo quella vittoria, che avrebbe dovuto segnare un’impennata verso l’alto in termini di classifica, l’Inter si è trasformata, conoscendo una sorta di declino dal quale con fatica si sta cercando di uscire. Dal 15 dicembre ad oggi, lo score dei risultati parla di 1 vittoria (in casa contro il Pescara), 3 pareggi e 3 sconfitte: 6 punti in 7 partite, per una media da brividi. Si è cercato di porre parziale rimedio nella campagna acquisti appena conclusa, dove sono stati presi dei rinforzi mirati alle esigenze di Stramaccioni che, però alla prima occasione, hanno tradito la fiducia del tecnico nerazzurro. Pronosticare una sconfitta contro il debole Siena era roba da amanti del gioco d’azzardo: eppure è arrivata, nella peggior maniera possibile. Da lì, è iniziato il processo mediatico alla squadra ma soprattutto a chi la conduce, vale a dire Andrea Stramaccioni.

Mesi addietro assurto a Messia, adesso vilipeso e candidato – secondo qualcuno – addirittura ad un esonero in corso d’opera o, nella migliore delle ipotesi, ad un allontamento a fine stagione. Roba da matti, ci viene da dire. Nel calcio italiano la pazienza non è virtù conosciuta, eppure al tecnico andrebbe concesso tempo, e per tempo non intendiamo certo un paio di mesi. L’inter post mourinhiana non esiste più e, a partire dall’anno successivo alla conquista della Champions, ha dato inizio ad una ricostruzione lenta e dolorosa, che necessiterà ancora di qualche passaggio, non di breve durata, e soprattutto di qualche acquisto di spessore. La compagine nerazzurra non è tra le peggiori del campionato ma neppure tra le migliori. Il tecnico ha a disposizione una rosa con tanti buoni giocatori e qualche ottimo elemento. Di fuoriclasse, oramai, c’è solo l’ombra di Diego Milito, che sta andando incontro ad un logorio più che comprensibile. C’era Sneijder, che della suddetta raza fa parte a pieno titolo, ma qualcuno ha deciso di farlo fuori, venendolo per pochi milioni di euro, e quel qualcuno non è certo Stramaccioni…

Bisogna dunque ripartire, il prossimo anno, dal buono che c’è in squadra adesso: da Handanovic a Ranocchia, da Guarin a (si spera) Kovacic, da Palacio a Cassano. Con i dovuti innesti, l’Inter potrebbe tornare a fare cose importanti e, successivamente, ambire a scudetto e, perchè no, alla Champions League. Ma serviranno un altro paio di anni e tanta fiducia: quella fiducia che Stramaccioni merita, perchè ha già dimostrato di essere capace di cose buone pur mai avendo allenato prima una squadra che non fosse a livello giovanile, perchè è giovane e gli è concesso di sbagliare, perchè sulla piazza non ci sono questi fenomeni di allenatori, e perchè la squadra, ad oggi, è quella che è. Certo, se poi si venissero a creare le condizioni per riportare a Milano Josè Mourinho, saremmo i primi a sostenere la tesi del congedo a Stramaccioni. Diversamente, è inutile dare la caccia alle streghe: i fatti sono questi e sostenere – come fatto erroneamente da Moratti – che quest’Inter possa competere per il titolo, vuol dire sottovalutare l’intelligenza dei tifosi.

  09:30 05.02.13
Condividi
article
51392
CalcioWeb
Esonerare Stramaccioni? Ne’ adesso ne’ a fine anno, a meno che…
Gli ultimi risultati dell’Inter in campionato non inducono certo all’ottimismo, e chiudono piuttosto a doppia mandata ogni porta verso qualunque sogno tricolore. In verità, viste le recenti uscite, non c’è di che ben sperare neppure per la lotta ad un posto Champions, ma il calcio insegna come bastino due partite per capovolgere ogni tipo di
http://www.calcioweb.eu/2013/02/esonerare-stramaccioni-ne-adesso-ne-a-fine-anno-a-meno-che/51392/
2013-02-05 09:30:11
http://www.calcioweb.eu/wp-content/uploads/2013/02/Stramaccioni.jpg
andrea Stramaccioni,calciomercato inter,cambio stramaccioni mourinho,cessione milito,esonero stramaccioni,esonero stramaccioni inter,Inter,inter milito,mercato inter,milito inter,moratti,moratti inter,Mourinho,mourinho inter,ritorno inter mourinho,ritorno mourinho inter,Stramaccioni,stramaccioni esonerato,stramaccioni inter
Editoriali
Torna alla Home