LA MEGLIO GIOVENTU’ – Paul Pogba

Juventus-Lazio serie ASolo Deschamps e la Nazionale Francese possono dire di aver ottenuto il talento franco-guineano senza che ne siano nate polemiche, sembra banale da dire perché si parla di Nazionale, ma non lo è così tanto quando si parla di Paul Labile Pogba. Lui fresco di convocazione nella nazionale maggiore appunto, è stato ed è tuttora oggetto del desiderio quasi maniacale di molti, non a caso finora ogni suo passaggio da una squadra all’altra ha creato più di qualche malcontento.
Nato a Lagny-sur-Marne in Francia, il 15 Marzo del ’93, da genitori guineani emigranti, è l’unico dei tre fratelli ad essere nato in territorio transalpino, per questo ha scelto la maglia dei galletti, mentre i due fratelli maggiori, i gemelli Florentin e Mathias, sono nati a Conakry in Guinea nel ’90, e sono entrambi calciatori rispettivamente di Sedan (Francia) e Crewe Alexandra (Inghilterra). Quando Paul ha 6 anni, i fratelli sono già lontani per inseguire il sogno di diventare calciatori in Spagna, nelle fila del Celta Vigo, i genitori portano il piccolo di casa a giocare nel Roissy-en-Brie, dove il ragazzo si forma, fino a quando viene notato a 13 anni dal Torcy, che organizza un provino ampiamente superato dal ragazzino franco-guineano, il quale però rimarrà in “quel” bianconero solo un anno, prima di essere prelevato a titolo gratuito dal Le Havre, la più antica società di Francia, che lo inserisce nel suo vivaio e subisce le accuse dei dirigenti del Torcy per essersi accaparrata il ragazzo senza averli interpellati.
Le Havre - Paul POGBAIn Normandia fa valere le sue doti, facendo assieme all’Under17 del Le HAC una stagione straordinaria, arrivando alla finale del campionato persa contro il Lens, e nel frattempo è il capitano dell’Under16 dei Bleus che lo mettono sotto gli occhi degli osservatori delle più importanti società europee. Nel 2009, gli osservatori del Manchester United, lo notano e lui d’accordo con la famiglia e affascinato dalla Premier League, decide di trasferirsi oltre manica nella patria del calcio, il problema è che il Le Havre non ne sa nulla. Così la società della Senna Marittima denuncia lo United di aver portato avanti una trattativa irregolare con la famiglia, promettendole una casa in aggiunta a poco meno di cento mila sterline, un caso simile a quello di cui gli stessi dirigenti del Le Hac erano stati accusati anni prima dal Torcy, si scatena così un caso internazionale davanti alla FIFA tra francesi e inglesi. Il tutto si risolverà poi con i Red Devils costretti a elargire un conguaglio economico alla società francese, questo episodio costa al ragazzo la fascia di capitano della selezione giovanile francese.
Sir Alex Ferguson è impressionato dal talento del ragazzino, che con le riserve dello United inizia a far vedere le sue grandi doti, aspettando con ansia il suo momento con la prima squadra, d’altronde Sir Alex gliel’ha promesso: continua così e ti farò giocare con i grandi. Trascina l’Under18 alla vittoria della FA Youth Cup, in tre anni con i giovani Red Devils colleziona 21 partite e 3 gol, nel frattempo è elemento imprescindibile delle selezioni giovanili dei galletti.
27824Dopo tanta attesa, alla 23esima giornata dalla Premier League prende il posto del Chicharito Hernandez nella sfida contro lo Stoke City quando il risultato è sul 2 a 0 per gli uomini di Sir Alex. A fine stagione però, svincolato e con sole 3 presenze tra i grandi, sempre subentrando a partita quasi conclusa, inizia a guardarsi intorno, e stanco di aspettare che le promesse del tecnico scozzese si realizzino, decide di cambiare aria ed accettare l’offerta della Juventus, abile a strappare uno dei più grandi talenti europei alla grande potenza dei Diavoli Rossi.
Stavolta non scoppia un dibattito tra società, ma è il maestro Ferguson, ad essere sotto l’occhio del ciclone, dal canto suo lo scozzese deluso dalla sfiducia del ragazzo e infuriato con il procuratore Raiola deve subire un accanimento della critica che gli rimprovera la gestione del giocatore, e ne sottolinea uno dei pochi sbagli fatti in una gloriosa carriera, fortuna di Sir Alex ci mette poco a farsi perdonare, ma molto probabilmente Pogba lo rimpiangerà a lungo.
Con la Juve sottoscrive un quadriennale e sceglie la maglia numero 6, non una qualunque, quella dell’indimenticato Gaetano Scirea, che in Corso Galileo Ferraris sarà sempre considerato più di un calciatore. L’esordio con la Vecchia Signora arriva il 22 Settembre, quando il tecnico Antonio Conte, gli concede gli interi 90 minuti nella gara casalinga contro il Chievo Verona vinta per 2 a 0, dieci giorni più tardi arriverà anche l’esordio in Champions sempre allo Juventus Stadium contro gli ucraini dello Shakthar Donetsk. Mostra subito una personalità fuori dal comune e nella partita casalinga contro il Napoli, diretta concorrente per lo scudetto, subentra ad Arturo Vidal al 75′:  Giovinco tenta una conclusione da fuori, Campagnaro spazza suo malgrado in quella che già adesso è la zona Pogba, che lascia partire un sinistro chirurgico prima che il pallone tocchi terra infilando De Sanctis, facendo impazzire i tifosi bianconeri e chiudendo la sfida sul 2 a 0. Li farà gioire ancora di più quando contro il Bologna, i bianconeri in vantaggio per 1 a 0 si fanno raggiungere dagli emiliani, e quando il pareggio sembra ormai il risultato finale, al 90′ il Polpo Paul (così lo chiamano i suoi nuovi tifosi) si avventa su un pallone e di testa segna il 2 a 1 che regala i tre punti ai suoi.
Paul è finalmente contento di come viene gestito dal suo allenatore, che nonostante abbia un centrocampo composto da Pirlo, Marchisio e Vidal lo considera uno dei titolari, e anche quando lo punisce per un ritardo all’allenamento e non lo convoca, il ragazzo capisce e da ragione al mister (andando in contrasto col pensiero del suo famoso procuratore che a differenza sua non l’ha presa bene), impegnandosi ancora di più per conquistarne la fiducia. Che viene ripagata con una doppietta nel 4 a 0 all’Udinese, uno dei due gol a dir poco straordinario, con un terribile destro dalla distanza che viene esultato con un simpatico balletto. I tifosi sono ormai conquistati e arriva anche il gol al Siena che serve ad eguagliare il record di Alessandro Del Piero, un’istituzione per non dire l’istituzione dell’universo bianconero, che da giovane esordiente nella sua prima stagione ha messo a segno proprio 5 reti.
sport.itC’è chi lo paragona a Vieira, ma noi ci sentiamo di dire che Pogba non ricorda nessuno, Pogba è Pogba, ha caratteristiche diverse dal grande centrocampista ex Juve e Arsenal, al quale somiglia sicuramente per il fisico possente (1.88 m, 80 kg) e perché abile a recuperare palloni e in fase di pressing, ma Paul si distingue per passo felpato, per il grande dribbling, la visione di gioco, la capacità di inserirsi e un tiro velenoso, tutto questo fa di lui un vero e proprio jolly di centrocampo, infatti viene applicato in varie zone: da mediano, da vice Pirlo, da centrocampista avanzato e a volte anche esterno.
Paul Pogba fa sognare sempre più i tifosi della Madama che allo Juventus Stadium intonano il coro “Quanto è forte Pogba”, e dopo aver dichiarato di aver preferito la Juve alle rivali Inter e Milan e di essere felicissimo della scelta fatta, si è guadagnato ancora di più l’affetto del tifo bianconero. Ormai il Polpo Paul ha allungato i suoi tentacoli sulla Serie A e sulla Juve, e se in latino Juventus sta per Gioventù, nella nostra lingua Pogba sta per La Meglio Gioventù.

Leggi tutti gli articoli de “La Meglio Gioventù” QUI

  11:11 19.03.13
Condividi
article
55359
CalcioWeb
LA MEGLIO GIOVENTU’ – Paul Pogba
Solo Deschamps e la Nazionale Francese possono dire di aver ottenuto il talento franco-guineano senza che ne siano nate polemiche, sembra banale da dire perché si parla di Nazionale, ma non lo è così tanto quando si parla di Paul Labile Pogba. Lui fresco di convocazione nella nazionale maggiore appunto, è stato ed è tuttora
http://www.calcioweb.eu/2013/03/la-meglio-gioventu-paul-pogba/55359/
2013-03-19 11:11:23
http://www.calcioweb.eu/wp-content/uploads/2013/03/10pogba.jpg
antonio conte,Chicharito Hernandez,conakry,crewe alexandra,didier deschamps,fa youth cup,florentin pogba,francia,fratelli pogba,gaetano scirea,giovinco,guinea,il polpo paul,Inter,Juventus,la meglio gioventù,lagny sur marne,le hac,le havre,ligue 1,ligue 2,manchester united,Marchisio,mathias pogba,Milan,mino raiola,nazionale francese,parigi,paul labile pogba,paul pogba,Paul Pogba Juve,Pirlo,pogba juve,pogba raiola,pogbang,premier league,red devils,sedan,sir alex,sir alex ferguson,torcy,vecchia signora,vidal,vieira
Champions League
Torna alla Home