Il punto sulla 32a di Serie A: è bagarre salvezza!

Emeghara

emegharaE’ stata una giornata ricca di partite cruciali ed importanti la 32a che si appresta, in serata, a concludersi. Manca infatti all’appello il match tra Lazio e Juventus, in programma stasera all’Olimpico alle h:20,45. Un match che, in caso di risultato positivo per i bianconeri, potrebbe davvero sancire, a meno di clamorose sorprese, la chiusura anticipata del campionato. Il pareggio di ieri sera tra Milan e Napoli ha fatto il gioco degli attuali Campioni d’Italia che, qualora avessero la meglio sui biancocelesti, si porterebbero addirittura a + 11 sui campani e + 15 sui rossoneri: a 6 giornate dalla fine dei giochi, vorrebbe dire tricolore ipotecato.

Diversamente, invece, i laziali rientrerebbero a pieno titolo per la corsa Champions. Una corsa dalla quale, oramai, è fuori l’Inter. I nerazzurri, in occasione della sconfitta (la terza consecutiva) di ieri pomeriggio contro il Cagliari, hanno dimostrato per l’ennesima volta di essere una squadra allo sbando, senza un’identità tattica e perseguitata, ad onore del vero, dall’enorme mole di infortuni. Gli ultimi, in ordine cronologico, sono quelli occorsi a Gargano (lesione di secondo/terzo grado alla coscia sinistra) e Nagatamo (rottura del menisco esterno sinistro). Del resto, ieri Stramaccioni ha spedito in attacco niente meno che Samuel a far coppia con Rocchi: basti questo a rendere l’idea del declino vissuto dalla società di Moratti.

Si rilanciano invece Roma e Fiorentina, andate a vincere sui campi di Torino ed Atalanta. Dei capitolini hanno impressionato le scelte di Andreazzoli, coraggioso nel lasciare fuori Totti per lanciare l’inedito tridente composto da Dodò, Osvaldo e Lamela. E proprio questi ultimi due hanno messo a segno le reti decisive, a fronte del solo goal granata firmato da Rolando Bianchi, separato in casa. Il Toro, tuttavia, si è reso protagonista di una grande partita al punto che, come ammesso da Andreazzoli stesso, avrebbe meritato minimo il pareggio. Un Toro dove continua a brillare la stella di Cerci, ex della partita, che ha messo a ferro e fuoco la retroguardia giallorossa, venendo fermato solo dai legni della porta difesa da Stekelenburg.

Altra partita molto attesa era il derby ligure, con la Sampdoria che sperava di ripagare il Genoa con la stessa moneta riservatagli nell’anno dell’ultima retrocessione: una vittoria ai danni di Borriello e compagni avrebbe infatti inferto un colpo terribile alle speranze di salvezza dei rossoblu, proprio come capitato nella stagione 2010/2011. Ma così non è stato e la partita si è chiusa con un pareggio: 1 a 1 il risultato finale. Alla rete su punizione di Eder ha fatto da contraltare Matuzalem, autore di un cross dalla traiettoria inaspettata che si è trasformato in goal.

Matuzalem che, va sottolineato, è rimasto assurdamente in campo al 16′ del primo tempo, quando si è reso protagonista di un fallo killer nei confronti di Krsticic, costretto poi alla sostituzione: andava espulso ma l’arbitro ha pensato di mostrargli solamente il cartellino giallo, consentendo poi al brasiliano di essere decisivo ai fini dell’esito finale dell’incontro. Ricordiamo anche che Matuzalem non è nuovo a certi falli ed il bruttissimo intervento ai danni di Brocchi, non più tardi di due mesi fa, che è costato al 37enne centrocampista (peraltro da poco rientrato) la rottura del piede destro ed il rischio di una carriera conclusa anzitempo, è sotto gli occhi di tutti. Ma finchè certi interventi non verranno sanzionati a dovere dall’arbitro prima e dal Giudice Sportivo dopo, continueremo a vederne parecchi.

Chiudiamo parlando della lotta salvezza, più avvincente che mai. Bagarre è il termine giusto per definire quanto sta accadendo in coda alla classifica dove, sino a qualche giornata fa, i verdetti parevano scritti, e ci parlavano di Siena e Palermo destinate alla serie cadetta, insieme al rassegnato e depresso Pescara, e di un Genoa pronto a rimanere in Serie A sotto gli effetti della cura Ballardini. Ed ecco che, invece, nel giro di poco tempo tutto è cambiato. Nell’ultimo di turno di campionato chi deve avere maggiori rimpianti è il Palermo, impegnato in casa contro un Bologna che non ha più niente da chiedere a questa stagione: ne è scaturito un pareggio per 1 a 1, frutto soprattutto – e dispiace dirlo – della papera di Sorrentino in occasione del goal di Gabbiadini. Intanto preoccupano le condizioni di Ilicic, autore della rete del vantaggio ed in splendida forma, uscito anzitempo per un problema muscolare, la cui entità è ancora da verificare.

Tutto sommato bene è andata al Genoa, come detto sopra. Genoa che, peraltro, può vantare un calendario più agevole rispetto alle dirette concorrenti. Ed a proposito di concorrenti, complimenti al Siena, andato a vincere sul campo di un Pescara apparso vivace come forse mai in quest’annata (eccezion fatta per il miracoloso successo di inizio 2013 ai danni della Fiorentina): merito di Iachini che ha plasmato la squadra a propria immagine e somiglianza, soprattutto dal punto di vista caratteriale, e di quell’Emeghara che continua a lasciare tutti a bocca aperta. L’attaccante svizzero di origine nigeriana ha messo a segno, contro gli abruzzesi, la settima rete in 11 partite: numeri da capogiro, e degni di un giocatore che, probabilmente, è destinato a lidi più prestigiosi.

  12:50 15.04.13
Condividi
article
56774
CalcioWeb
Il punto sulla 32a di Serie A: è bagarre salvezza!
E’ stata una giornata ricca di partite cruciali ed importanti la 32a che si appresta, in serata, a concludersi. Manca infatti all’appello il match tra Lazio e Juventus, in programma stasera all’Olimpico alle h:20,45. Un match che, in caso di risultato positivo per i bianconeri, potrebbe davvero sancire, a meno di clamorose sorprese, la chiusura
http://www.calcioweb.eu/2013/04/il-punto-sulla-32a-di-serie-a-e-bagarre-salvezza/56774/
2013-04-15 12:50:15
http://www.calcioweb.eu/wp-content/uploads/2013/04/emeghara2.jpg
32a serie a,genoa,genoa salvezza,lotta champions league,lotta salvezza serie a,lotta scudetto,Milan,Milan Champions League,Napoli,napoli champions league,palermo,palermo salvezza,punto serie a,Serie A,siena,siena salvezza
Editoriali
Torna alla Home