Uefa revolution: si inasprisce la lotta ai mali del calcio

600px-UEFA_logo_svgIl comitato esecutivo dell’Uefa si è riunito oggi per discutere alcune innovazioni riguardanti molti aspetti del mondo del calcio. L’obiettivo principale è quello di rendere più pulito questo sport.

Chiusura parziale dello stadio come prima sanzione, e poi chiusura totale per le società, oltre ad una sanzione di 50.000 euro; squalifica di almeno dieci turni a giocatori e dirigenti colpevoli di razzismo: sono le nuove misure contro la discriminazione razziale approvate dal comitato esecutivo dell’Uefa, riunito a Londra, che entreranno in vigore dal prossimo 1 giugno.

L’inasprimento delle pene riguarda anche i casi relativi alle aggressioni fisiche o verbali nei confronti degli arbitri: la squalifica minima per insulti ai direttori di gara e’ salita da due a tre turni, mentre quella per l’aggressione agli stessi e’ passata da 10 a 15 turni.

Modifiche anche relativamente al calcioscommesse: non ci sarà più prescrizione nei casi di combine. Cosa che consentirà, dunque, l’applicazione di sanzioni indipendentemente dal momento in cui l’infrazione del regolamento e’ avvenuta. Agli organi disciplinari Uefa e’ stata inoltre concessa ulteriore autorita’ per agire nel caso in cui una federazione affiliata non punisca o punisca in maniera non adeguata comportamenti che danneggino l’essenza stessa del calcio, con particolare riferimento alle combine, alla corruzione e al doping.

Passaggio importante anche per quel che riguarda la lotta al doping. E’ stato infatti deciso l’inserimento di alcuni test del sangue nelle competizione europee, a partire dall’anno prossimo, in aggiunta ai normali test sulle urine. Fino ad oggi, gli esami ematici erano stati utilizzati solo alle fasi finali degli Europei. Fra le novita’, inserite all’interno di un pacchetto di misure antidoping approvato oggi dall’Esecutivo riunito a Londra, vi e’ anche il lancio di un’indagine retrospettiva per misurare i profili steroidei di circa 900 giocatori che hanno preso parte alle competizioni Uefa a partire dal 2008. L’obiettivo e’ quello di identificare l’eventuale diffusione di steroidi nel calcio europeo utilizzando i dati dei precedenti controlli antidoping. L’indagine sara’ collettiva ed anonima e i risultati non porteranno alla condanna di alcun atleta per violazione del regolamento antidoping. In base ai risultati dell’indagine, potrebbe venire preso in considerazione per il futuro l’inserimento di un passaporto biologico steroideo all’interno del programma antidoping Uefa.

  16:29 23.05.13
Condividi
article
59626
CalcioWeb
Uefa revolution: si inasprisce la lotta ai mali del calcio
Il comitato esecutivo dell’Uefa si è riunito oggi per discutere alcune innovazioni riguardanti molti aspetti del mondo del calcio. L’obiettivo principale è quello di rendere più pulito questo sport. Chiusura parziale dello stadio come prima sanzione, e poi chiusura totale per le società, oltre ad una sanzione di 50.000 euro; squalifica di almeno dieci turni
http://www.calcioweb.eu/2013/05/uefa-revolution-si-inasprisce-la-lotta-ai-mali-del-calcio/59626/
2013-05-23 16:29:46
http://www.calcioweb.eu/wp-content/uploads/2012/06/600px-UEFA_logo_svg.png
comitato esecutivo uefa,normative uefa,normative uefa calcioscommesse,normative uefa doping,normative uefa insulti arbitri,normative uefa razzismo,Uefa
Mondo
Torna alla Home