Milan a porte chiuse, gli ultras si ribellano: “Non siamo razzisti!”

tifosi milanAll’indomani della decisione del Giudice Sportivo di far disputare Milan-Udinese a porte chiuse per punire i cori contro i napoletani intonati dalla tifoseria rossonera in occasione della partita di domenica scorsa con la Juventus, gli ultras del Diavolo si difendono. Lo fanno respingendo l’accusa di essere razzisti e giustificando i canti, giudicati discriminatori, di puro stampo goliardico. Di seguito ampi stralci di una nota scritta dai tifosi del Milan per illustrare le loro ragioni:

“In Italia si assiste in questi giorni alla messa in atto di una ridicola interpretazione della legge che ci rende i protagonisti di un attacco insensato e ingiustificabile. E’ di ieri la notizia della chiusura dell’intero stadio in occasione di Milan-Udinese a seguito dell’intonazione degli ormai noti cori “razzisti” contro i napoletani durante la partita Juventus-Milan.
Sia chiaro che nessuno considera la legge contro il razzismo una legge inutile o sbagliata, non vogliamo passare per quelli che si oppongono alla condanna di ogni forma di discriminazione, il problema è che sul termine “ogni forma” si sta passando dalla ferma condanna di un fenomeno, per quanto ci riguarda inaccettabile, quale è il razzismo, all’impossibilità di essere goliardici, acidi e persino maleducati!
Noi ci troviamo ancora una volta vittime di leggi che puniscono solo quello che dà fastidio, ovvero il tifoso allo stadio. Noi non abbassiamo la testa di fronte a questi soprusi e ci auguriamo che tutta Italia abbia presente a che cosa andiamo incontro: ci stanno togliendo il diritto di esprimere il nostro tifo e saremo ben felici di scoprire quanto un campionato giocato a porte chiuse sarà interessante per i mercati esteri creando un buco al sistema calcio.Perché quello che sta succedendo è l’ennesima e forse la più grave forma di limitazione della nostra realtà. Fiduciosi in una risposta da parte di chi davvero si sente ultras. Oltre la rivalità, oltre tutto”.

  15:35 08.10.13
Condividi
article
70929
CalcioWeb
Milan a porte chiuse, gli ultras si ribellano: “Non siamo razzisti!”
All’indomani della decisione del Giudice Sportivo di far disputare Milan-Udinese a porte chiuse per punire i cori contro i napoletani intonati dalla tifoseria rossonera in occasione della partita di domenica scorsa con la Juventus, gli ultras del Diavolo si difendono. Lo fanno respingendo l’accusa di essere razzisti e giustificando i canti, giudicati discriminatori, di puro
http://www.calcioweb.eu/2013/10/milan-a-porte-chiuse-gli-ultras-si-ribellano-non-siamo-razzisti/70929/
2013-10-08 15:35:23
http://www.calcioweb.eu/wp-content/uploads/2013/02/tifosi-milan1.jpg
cori razzisti tifosi de milan,discriminazione territoriale,milan a porte chiuse,ultras del milan
Milan
Torna alla Home