Vidal a 360 gradi: “La mia infanzia, le mie ambizioni”

vidalArturo Vidal ha rilasciato una lunga intervista ai taccuini de ‘La Gazzetta dello Sport’, parlando della sua infanzia, del suo presente e delle sue ambizioni. Infanzia che, per lui, non è stata particolarmente felice: “Quando avevo cinque anni mio papà andò via di casa, ed io diventai triste. Ero sempre triste, ma un giorno decisi che avrei dovuto solo sorridere. Da allora non ho mai smesso. Perchè mio padre ci abbandonò? Non so, forse per soldi, ce n’erano davvero pochi, ma adesso con lui va tutto bene“. Capitolo Juve: “Difficile che io vada via da qui, gioco in una delle migliori squadre del mondo ed i tifosi mi regalanto brividi enormi. Ecco perchè ho rinnovato il contratto. Conte per me è come un padre, mi ha dato la giusta tranquillità. Campionato? Con la Roma sarà un match importante, credo che arrivi al momento giusto. Champions League? L’eliminazione dai gironi è stata la delusione più grande della mia vita, spero di rifarmi in Europa League“. Ambizioni future: “Nel 2014 spero di vincere il Pallone d’Oro, mentre con la Juve vogliamo fare bene ovunque. Brasile 2014? Noi del Cile sappiamo che sarà il Mondiale della nostra vita“.

  14:45 24.12.13
Condividi
article
77940
CalcioWeb
Vidal a 360 gradi: “La mia infanzia, le mie ambizioni”
Arturo Vidal ha rilasciato una lunga intervista ai taccuini de ‘La Gazzetta dello Sport’, parlando della sua infanzia, del suo presente e delle sue ambizioni. Infanzia che, per lui, non è stata particolarmente felice: “Quando avevo cinque anni mio papà andò via di casa, ed io diventai triste. Ero sempre triste, ma un giorno decisi
http://www.calcioweb.eu/2013/12/vidal-a-360-gradi-la-mia-infanzia-le-mie-ambizioni/77940/
2013-12-24 14:45:29
http://www.calcioweb.eu/wp-content/uploads/2013/09/vidal.jpg
Vidal
In evidenza
Torna alla Home