Bomba sulla B: il Cittadella rischia grosso per illecito sportivo dopo la vergogna di Reggio

cittadella regginaUna vera e propria “bomba” di fine stagione rischia si stravolgere il campionato di serie B. Il Cittadella rischia grosso dopo il caos di Reggio, sabato pomeriggio nei minuti finali della partita contro la Reggina.
Innanzitutto riepiloghiamo quanto accaduto: al 92° minuto, sul risultato di 0-1 per il Cittadella, Pellizzer da una manata in faccia a Fischnaller in area di rigore: l’arbitro è lontano e di spalle ma il guardalinee vede tutto, lo segnala al direttore di gara (Nasca) che assegna il penalty alla Reggina ed estrae il cartellino rosso per Pellizzer tra le furiose proteste del Cittadella. Proteste assurde perchè non solo il rigore è sacrosanto, ma per Pellizzer dovrebbe arrivare una pesantissima squalifica per il gesto su Fischnaller, gratuito e a palla lontana. Dopo 4 minuti di caos, i giocatori del Cittadella si avvicinano a Gerardi e gli chiedono vistosamente di lanciare il pallone alto dal dischetto, perchè per la Reggina un pareggio non cambierebbe nulla mentre per loro la vittoria sarebbe fondamentale. I giocatori amaranto però, si comportano in modo esemplare: si arrabbiano con gli ospiti che gli chiedono ripetutamente una cosa così grave e scorretta, vogliono segnare il rigore non solo per fare un gol e comunque un punto, ma anche con la speranza di tornare subito a centrocampo e buttare il pallone avanti alla disperata ricerca del 2-1 che rimetterebbe la squadra in corsa per la salvezza. Tra i giocatori si riscaldano gli animi, quelli del Cittadella non ci stanno a perdere così una partita che avevano in tasca. Gerardi tira per segnare, potente e angolato, ma il portiere ospite Di Gennaro intuisce e in tuffo respinge il pallone. Un rigore sbagliato come tanti altri, non certo per alcun illecito, infatti subito dopo si scatena il caos. L’arbitro fischia la fine, i giocatori del Cittadella (che avevano chiesto il regalo, ma non l’avevano avuto) iniziano vergognosamente a sbeffeggiare quelli amaranto anche in modo vistoso, con gestacci e linguacce. Si scatena una maxi-rissa che finirà dopo dieci minuti.

Da questa storia emerge, innanzitutto, il comportamento esemplare dei giocatori della Reggina, ma soprattutto quello vergognoso dei calciatori della squadra ospite, il Cittadella, che hanno provato in campo ad ottenere un regalo in modo illecito, e forse (non si può escludere) hanno psicologicamente condizionato Gerardi, inducendolo (seppur inconsciamente) a sbagliare un penalty molto discusso, che è stato calciato dopo 5 minuti dal momento in cui è stato fischiato, con Gerardi visibilmente aggredito verbalmente per lunghi minuti prima di portarsi sul dischetto dagli avversari che gli chiedevano di tirarlo alto o fuori (perchè se uno vuole sbagliare un rigore, lo tira alto o fuori e non nello specchio della porta come ha fatto l’attaccante della Reggina).

Adesso il Cittadella rischia grosso. L’articolo 7 comma 1 della giustizia Sportiva recita così: “il compimento, con qualsiasi mezzo, di atti diretti ad alterare lo svolgimento o il risultato di una gara o di una competizione, ovvero ad assicurare a chiunque un vantaggio in classifica costituisce illecito sportivo“. Quindi anche il solo compimento di un atto diretto ad alterare il risultato di una gara, anche se poi non vada a buon fine come successo a Reggio, costituisce di per sè illecito sportivo. I giocatori del Cittadella che hanno tentato l’illecito rischiano una squalifica o inibizione minima di 3 anni, mentre per la società scatta la responsabilità diretta, com’è successo per il Lecce che è stato spedito dalla serie A alla serie C proprio per responsabilità diretta su illecito sportivo. Secondo quanto riportano alcune grosse testate giornalistiche, Palazzi sta indagando e ha già ascoltato i suoi uomini presenti al Granillo per verificare cosa sia successo (ma bastano le ricostruzioni dalle immagini tv). Il direttore generale del Cittadella, Marchetti, ha rilasciato alcune dichiarazioni che potrebbero ulteriormente aggravare la posizione del Cittadella: “quereliamo chi ci ha diffamato e su Coly sono cose che in campo possono succedere“. Il Cittadella rischia davvero grosso…

In merito all’accaduto ci sono state diverse ripercussioni: Caso Cittadella-Reggina, interviene Amoruso: “E’ incredibile, la Procura deve indagare!”

  13:04 28.04.14
Condividi
article
89285
CalcioWeb
Bomba sulla B: il Cittadella rischia grosso per illecito sportivo dopo la vergogna di Reggio
Una vera e propria “bomba” di fine stagione rischia si stravolgere il campionato di serie B. Il Cittadella rischia grosso dopo il caos di Reggio, sabato pomeriggio nei minuti finali della partita contro la Reggina. Innanzitutto riepiloghiamo quanto accaduto: al 92° minuto, sul risultato di 0-1 per il Cittadella, Pellizzer da una manata in faccia a Fischnaller in area
http://www.calcioweb.eu/2014/04/bomba-b-cittadella-rischia-grosso-per-illecito-sportivo-dopo-vergogna-reggio/89285/
2014-04-28 13:04:15
http://www.calcioweb.eu/wp-content/uploads/2014/04/cittadella-reggina.jpg
cittadella,Cittadella reggina,cittadella reggina serie b,serie b Cittadella,vergogna coy cittadella
Cittadella
Torna alla Home