Silvestrone ammette: “il bilancio del Cagliari è apposto, si va verso l’ok!”

cagliari“I conti sono a posto”, la trattativa per l’acquisto del Cagliari può andare avanti. Il lavoro su documenti e bilanci, la cosiddetta “due diligence”, è durato circa sei ore e andrà avanti anche domani. Ma Luca Silvestrone, rappresentante del Fondo americano interessato all’acquisto del Cagliari e alla costruzione del nuovo stadio, ora si può sbilanciare. “Ad avercene – spiega all’ANSA – aziende con i conti così a posto come il Cagliari. Sicuramente nella gestione Cellino ha sempre fatto un ottimo lavoro. Continueremo anche domani, ormai sono sicuro che non troveremo sorprese”. Insomma, esame superato con una giornata di anticipo. E programma confermato: la prossima settimana sarà decisiva per il passaggio di proprietà della società. L’offerta del Fondo è già stata presentata: si parla di una cifra che supera gli 80 milioni di euro. C’è un altro concorrente, la Fluorsid, che ancora spera. Ma la pista Usa sembra decisamente la più calda: martedì dovrebbero incontrarsi a Miami il presidente del Cagliari Massimo Cellino e i big del Fondo a stelle e strisce. Difficile pensare a rinvii o trattative lunghe: i nuovi acquirenti vogliono avere tutto il tempo necessario per impostare da adesso la stagione 2014-2015.

  22:53 22.05.14
Condividi
article
94254
CalcioWeb
Silvestrone ammette: “il bilancio del Cagliari è apposto, si va verso l’ok!”
“I conti sono a posto”, la trattativa per l’acquisto del Cagliari può andare avanti. Il lavoro su documenti e bilanci, la cosiddetta “due diligence”, è durato circa sei ore e andrà avanti anche domani. Ma Luca Silvestrone, rappresentante del Fondo americano interessato all’acquisto del Cagliari e alla costruzione del nuovo stadio, ora si può sbilanciare.
http://www.calcioweb.eu/2014/05/silvestrone-ammette-bilancio-cagliari-apposto-si-verso-lok/94254/
2014-05-22 22:53:56
http://www.calcioweb.eu/wp-content/uploads/2014/05/cagliari.jpg
Cagliari,Cagliarisilvestrone,cessione Cagliari
Cagliari
Torna alla Home