Legati da un tragico destino, l’abbraccio sincero del Torino calcio ai giocatori della Chapecoense

Apollonio

L’abbraccio del Torino  ai  giocatori della Chapecoense è vero, sincero… è vissuto. Un cordoglio che ci riporta indietro a più di 60 anni quando l’aereo del Torino si schiantò  contro il muraglione del terrapieno posteriore della Basilica di Superga

Dovevano giocare in Colombia la finale di Sudamericana, L’aereo che trasportava i giocatori della Chapecoense si è schiantato nella notte mentre si avvicinava all’aeroporto José Maria Cordoba della città colombiana di Medellin alle 10 ora locale, alle 4 in Italia. Non ci sono vere star, nella rosa della Chape: la squadra era stata costruita a basso costo, la forza era il collettivo. I giocatori più noti erano l’attaccante Bruno Rangel, di ritorno da un’esperienza in Qatar, il terzino Dener, il mediano Gil, oltre al centrocampista Cleber Santana, che nella stagione 2009-2010 giocò nell’Atletico Madrid. chapeL’allenatore era Caio Junior, 51 anni, una lunga esperienza in panchina, anche in piazze nobili come Flamengo, Palmeiras, Botafogo. Un evento che legato tragicamente a quello di un altra squadra: il Torino. Il 4 maggio 1949 notte tra nebbia e il silenzio, il Fiat G.21 che sta riportando a casa da Lisbona il Grande Torino di Valentino Mazzola, si schianta contro il muraglione del terrapieno posteriore della Basilica di Superga. Non è la prima volta, purtroppo. La tragedia aerea che in Colombia ha falcidiato la squadra di calcio brasiliana della Chapecoense è solo l’ultima di una lunga serie di disastri che hanno sconvolto lo sport.index

ll tweet del Torino sincero perché è scritto senza sentimentalismi, un cordoglio che fa male.  Un post sobrio e commovente come quello del Torino nei confronti delle vittime e dei familiari del “Chapecoense”. Messaggi sinceri ma che  non rendeno giustizia a una squadra fermata solo dal destino, a pochi giorni dal passo più importante della sua storia.

  22:32 29.11.16
Condividi
article
10055318
CalcioWeb
Legati da un tragico destino, l’abbraccio sincero del Torino calcio ai giocatori della Chapecoense
L’abbraccio del Torino  ai  giocatori della Chapecoense è vero, sincero… è vissuto. Un cordoglio che ci riporta indietro a più di 60 anni quando l’aereo del Torino si schiantò  contro il muraglione del terrapieno posteriore della Basilica di Superga Dovevano giocare in Colombia la finale di Sudamericana, L’aereo che trasportava i giocatori della Chapecoense si
http://www.calcioweb.eu/2016/11/legati-un-tragico-destino-labbraccio-del-torino-calcio/10055318/
2016-11-29 22:32:02
http://www.calcioweb.eu/wp-content/uploads/2016/11/torino.jpg
Chapecoense,torino,Torino Chapecoense
Mondo
Torna alla Home