Football Leaks, stavolta è il fondo ‘Doyen Sport’ a finire sotto la lente d’ingrandimento: i dettagli

Spuntano nuovi scenari sulla grande inchiesta 'Football Leaks': a quanto pare 'Doyen Sports' usava fondi neri per il versamento di tangenti

Si tratta di un grande scandalo in queste settimane ha coinvolto diversi nomi importanti di società di calcio e giocatori. Stiamo parlando della grande inchiesta ‘Football Leaks’, messa in piedi da diverse testate giornalistiche internazionali, tra cui anche la rivista italiana ‘L’Espresso’. In questo caso, stando a quanto riportato da ‘L’Equipe’, è la società di investimento ‘Doyen Sport’ a finire sotto la lente d’ingrandimento. Parliamo di una delle realtà mondiali più importanti nella gestione dei calciatori: un vero e proprio fondo di investimento basato a Malta. Fra le tante operazioni messe a segno ci sono i trasferimenti internazionali di Eliaquim Mangala, Geoffrey Kondogbia e Yacine Brahimi. Secondo quanto svelato dal quotidiano francese, Doyen Sports usava fondi neri per il versamento di tangenti. Tre società (Rixos, Denos, PMCI) sono state registrate negli Emirati Arabi Uniti e sarebbero stati utilizzati per distribuire ben 10,8 milioni di commissioni occulte. Un esempio? Dopo il trasferimento di Mangala dal Porto al Manchester City, Doyen Sports ha realizzato 10 milioni di euro di profitto, di cui 2 sono stati rapidamente versati su un conto di una società offshore. La destinazione finale di questi soldi non è ancora nota.

soldi calcioL’inchiesta de L’Equipe su ‘Doyen Sport’ non si ferma ai soldi trasferiti nei conti offshore. Il giro d’affari del fondo d’investimenti maltese si spinge oltre, e cioè anche nella sfera personale di giocatori e dirigenti. I documenti pubblicati da Football Leaks, infatti, hanno rilevato anche l’inserimento di giovani donne nei quadri dirigenziali. Nel marzo 2014, si legge, Nelio Lucas ha portato in Europa 14 giovani ragazze provenienti da Minsk, Mosca e San Pietroburgo. Loro hanno partecipato attivamente agli affari di Doyen e si sono spesso accompagnate ai giocatori nelle serate di Champions League. Nell’agosto del 2013, inoltre, Nelio Lucas e Arif Efendi, personaggio del clan kazako che possiede una parte di Doyen Sports, hanno parlato su WahtsApp di una serata organizzata a Miami con delle prostitute, che doveva essere organizzata per convincere il presidente del Real Madrid, Florentino Perez, a comprare il centrocampista francese Geoffrey Kondogbia. Ma il patron del Real non partecipò a quella festa e non se ne fece più nulla. C’è in particolare una donna che è finita sotto la lente d’ingrandimento di Football Leaks. Si tratta di una giovane bionda di nome Sabina. A fine agosto 2015 è stata a Madrid per il tesseramento del centrocampista Asier Illaramendi, e poi è stata a Marsiglia per il trasferimento del difensore ex Inter e Napoli, Rolando. Ufficialmente il ruolo di questa ragazza era di rappresentante del giocatore. Che fosse anche lei una escort del ‘pacchetto Doyen’, sottolinea ‘L’Equipe’, non è ancora chiaro. Insomma restano ancora molte ombre su questa brutta vicenda che ha coinvolto il mondo del calcio. Staremo a vedere.

  15:32 19.12.16
Condividi
article
10061608
CalcioWeb
Football Leaks, stavolta è il fondo ‘Doyen Sport’ a finire sotto la lente d’ingrandimento: i dettagli
Si tratta di un grande scandalo in queste settimane ha coinvolto diversi nomi importanti di società di calcio e giocatori. Stiamo parlando della grande inchiesta ‘Football Leaks’, messa in piedi da diverse testate giornalistiche internazionali, tra cui anche la rivista italiana ‘L’Espresso’. In questo caso, stando a quanto riportato da ‘L’Equipe’, è la società di investimento ‘Doyen
http://www.calcioweb.eu/2016/12/football-leaks-stavolta-fondo-doyen-sport-finire-la-lente-dingrandimento-dettagli/10061608/
2016-12-19 15:32:30
http://www.calcioweb.eu/wp-content/uploads/2016/12/soldi.jpg
football leaks
Mondo
Torna alla Home