Serie A, il 2016 si chiude tra mille emozioni: da Firenze a Palermo, serata incredibile

Va in archivio il 2016 della Serie A: è accaduto di tutto nelle partite appena concluse, con risultati cambiato in extremis ed un gran numero di goal

Quaison (LaPresse/Anastasi Davide)

E’ terminato stasera, col botto, il 2016 della Serie A, con la chiusura, parziale, della 18^ giornata: all’appello mancano infatti Bologna-Milan e Crotone-Juventus, che verranno recuperate l’8 febbraio, causa Supercoppa. Una giornata che non ha mancato di regalarci emozioni, con parecchi goal segnati e continui ribaltamenti di risultati. Partiamo da Fiorentina-Napoli, incerta fino all’ultimo momento e andata agli archivi col risultato di 3-3. In vantaggio ci sono andati i campani, grazie ad un bellissimo goal di Insigne che, però, era in netta posizione di fuorigioco. Nella ripresa ha pareggiato i conti Bernardeschi, con una punizione deviata da Callejon. Pochi minuti dopo e il ‘solito’ Mertens ha riportato in avanti i campani, prima del secondo sigillo personale del numero 10 viola. Nel finale, quindi, è arrivata la prodezza di Zarate, che pareva aver chiuso definitivamente i giochi. Negli ultimi istante di gioco è però arrivato il fallo in area di rigore di Salcedo su Mertens: dal dischetto si è presentato Gabbiadini che ha regalato il pareggio alla sua squadra, in quella che, probabilmente, è stata per lui l’ultima apparizione in maglia azzurra. Un pareggio tutto sommato giusto ma che, probabilmente, scontenta entrambe le squadre: il Napoli perde terreno rispetto alla Roma, la Fiorentina rispetto alla zona Europa League.

Ne approfitta proprio la Roma che batte in rimonta il Chievo ed aumenta a più 3 il vantaggio sui rivali nella rincorsa alla Juventus: 3-1 al triplice fischio. Dopo il momentaneo vantaggio di De Guzman, abile a sfruttare una dormita di Bruno Peres, sono stati El Shaarawy, con uno stupendo calcio di punizione, Dzeko e Perotti, su rigore, a dare i tre punti ai capitolini. Rocambolesco successo del Cagliari sul Sassuolo, battuto 4-3 al Sant’Elia. Una partita incredibile, iniziata tra mille tensioni per i padroni di casa, contestati dai propri tifosi. E non meglio era proseguita visto che, dopo la rete di Sau, i neroverdi avevano preso il largo: prima Adjapong, con la complicità dell’inguardabile Rafael, quindi Pellegrini avevano ribaltato la situazione. Pellegrini che, però, pochi secondi dopo aver segnato, è stato cacciato per un brutto fallo su Di Gennaro. Nonostante ciò, è arrivata anche la terza segnatura degli emiliani, firmata da Acerbi su rigore. Quando tutto sembrava perduto, però, ecco che i cambi di Rastelli hanno firmato l’incredibile rimonta: prima Borriello ha accorciato le distanze, quindi Farias, per due volte, ha pareggiato e poi firmato il controsorpasso. Un successo che vale oro per i sardi e che, probabilmente, salva la panchina del tecnico cagliaritano. Da segnalare, nel finale, il mancato ‘cinque’ di Sau, sostituito, a Rastelli: un episodio che alimenta tensioni di cui non si avvertiva il bisogno. Situazione poco bella per la compagine guidata da Di Francesco, che rimane a quota 17, appena sopra il quartetto in lotta per la salvezza.

Pazzesco anche quanto accaduto al ‘Barbera’, dove si giocava lo scontro diretto tra Palermo e Pescara: 1-1 il risultato, maturato nel finale, dove è successo di tutto. Dopo la segnatura nel primo tempo di Quaison, al 91′ il Pescara si è visto annullare un goal forse regolare. Poco dopo, però, patatrac dei rosanero e rigore per gli abruzzesi: dal dischetto, implacabile Biraghi, al primo penalty della sua carriera. Peraltro, poco prima del triplice fischio, la squadra di Oddo ha sfiorato per due volte addirittura il successo, con Memushaj. La classifica delle due, comunque, rimane precaria: gli abruzzesi agganciano il Crotone, che però ha una partita in meno, a quota 9, il Palermo sale invece a 10 punti. Poca roba. Successo sofferto, per 1-0, del Torino sul Genoa: a deciderla il solito Belotti, alla 13^ segnatura in campioanto. Pari senza goal, infine, tra Sampdoria e Udinese, unico 0-0 di giornata.

  23:05 22.12.16
Condividi
article
10062667
CalcioWeb
Serie A, il 2016 si chiude tra mille emozioni: da Firenze a Palermo, serata incredibile
E’ terminato stasera, col botto, il 2016 della Serie A, con la chiusura, parziale, della 18^ giornata: all’appello mancano infatti Bologna-Milan e Crotone-Juventus, che verranno recuperate l’8 febbraio, causa Supercoppa. Una giornata che non ha mancato di regalarci emozioni, con parecchi goal segnati e continui ribaltamenti di risultati. Partiamo da Fiorentina-Napoli, incerta fino all’ultimo momento e
http://www.calcioweb.eu/2016/12/serie-a-il-2016-si-chiude-tra-mille-emozioni-da-firenze-a-palermo-serata-incredibile/10062667/
2016-12-22 23:05:37
http://www.calcioweb.eu/wp-content/uploads/2016/12/SERIE-A-33-1.jpg
Serie A
News
Torna alla Home