Addio ad Ezio Pascutti, il cannoniere cattivo va in paradiso

Ci ha lasciato Ezio Pascutti, campione d’Italia col Bologna e terzo cannoniere di sempre della società rossoblu. Il suo affetto per Bologna la ‘sua’ città adesso lo piange

Renato Dall’Ara presidente e Fulvio Bernardini allenatore, un calcio Italiano che cominciava a svegliarsi da un lungo letargo e la voglia di emergere a livello internazionale
Quel suo modo rabbioso di giocare, per tirare fuori da quel volto semplice e pacato una forza sconosciuta ed una grinta fuori dal comune che gli permetteva di essere uno dei più cinici attaccanti del tempo, poi quel cazzotto finto, quella reazione (o vero, ancora oggi non si sa con certezza) lo marchiano a fuoco come il “cattivo”, marchio che da allora non si è più scrollato di dosso. Ricordato per il motivo sbagliato,l’occasione è una partita  tra l’Italia e  l’Unione Sovietica del 1963. Il terzino che  marca l’inarrestabile Pascutti decide al 23′ di entrare duro pur di fermarlo. Purtroppo l’intervento grezzo del difensore colpisce la gamba già infortunata, Ezio reagisce male, espulsione e sogno europeo svanito. Dallo stadio Lenin di Mosca il 13 ottobre 1963 Ezio Pascutti non tornerà mai più lo stesso.pascutti L’etichetta di testa calda, cattivo, provocatore lo accompagnerà per il resto della sua carriera senza  però mai più offrire occasioni a quel tipo di cattiveria. Pascutti non era affatto un violento ed anzi, non colpì mai con un pugno Dubinsky, il  terzino, ma per fortuna/purtroppo le immagini e le telecamere impiegate durante gli incontri a metà anni 60 non corrispondevano a quelle attuali. Questo il suo ricordo “Era la prima sfida Urss Italia, con noi erano venuti dieci parlamentari. La stampa mi inchiodò : “Vergogna”. Anche Brera, che dopo i due gol di Vienna all’Austria aveva scritto che ero l’ala sinistra più forte del mondo, chiese una punizione. Sul volo di ritorno mi misero in prima classe coi parlamentari, per evitare contatti coi giornalisti: nessuno mi rivolse la parola, solo un senatore comunista di Reggio mi fece coraggio, mi pare si chiamasse Ferioli. L’Uefa non mi squalificò, la federazione invece, pressata da politici e giornalisti, mi inflisse tre mesi di sospensione. A me non dissero nulla, ma a casa trovai mia moglie che piangeva, aveva sentito la notizia alla Tv”. Chi ricorda Ezio Pascutti  ricorda la  rabbia, quella vera e quella agonistica la tenacia di chi non molla mai, quella cattiveria che nulla ha a che fare con quella assegnatagli. Oggi ci ha lasciati quel  formidabile cannoniere capace di realizzare 130 reti in 296 partite ufficiali giocate con la maglia del Bologna dal 1955 al 1969 e costretto al ritiro (appena trentenne) per un fisico ancora in salute ma con le gambe logorate da scontri e infortuni.milan bologna gianni_rivera_ed_ezio_pascutti Un ricordo doveroso per un calciatore che ha scritto la storia della società emiliana diventandone anche il terzo marcatore di tutti i tempi; “Addio Campione. Il Bologna piange uno dei suoi figli più amati, di ogni tempo“, si legge sul sito ufficiale del club rossoblù, una delle più forti ali del calcio bolognese, un talento naturale la cui abilità derivava da un dono e non già dal costante allenamento. Capace di saltare  con facilità l’uomo nell’uno contro uno e leader indiscusso in un Bologna magnifico campione d’Italia con Janich e Tumburus, con Bulgarelli e Nielsen, con Haller e Negri, allenati dal magnifico Fulvio Bernardini. Addio grande campione, il cattivo adesso va in paradiso.

  17:58 06.01.17
Condividi
article
10065415
CalcioWeb
Addio ad Ezio Pascutti, il cannoniere cattivo va in paradiso
Ci ha lasciato Ezio Pascutti, campione d’Italia col Bologna e terzo cannoniere di sempre della società rossoblu. Il suo affetto per Bologna la ‘sua’ città adesso lo piange Renato Dall’Ara presidente e Fulvio Bernardini allenatore, un calcio Italiano che cominciava a svegliarsi da un lungo letargo e la voglia di emergere a livello internazionale Quel suo modo
http://www.calcioweb.eu/2017/01/ezio-pascutti-laddio-del-bologna-e-del-calcio-italiano/10065415/
2017-01-06 17:58:33
http://www.calcioweb.eu/wp-content/uploads/2017/01/pascutti-ezio.jpg
Ezio Pascutti
Bologna
Torna alla Home