Sneijder – Inter: sotterrata l’ascia di guerra?

In vista del match casalingo di domenica contro il Palermo, potrebbe esserci il ritorno di Wesley Sneijder nella lista dei convocati. Pare che infatti all’Inter si sarebbero decisi ad allentare un po’ la presa nella gestione della vicenda relativa alla modifica del contratto dell’olandese. L’eccessiva eco mediatica che ha avvolto il fatto, con tanto di lettera inviata dal segretario generale della FIFpro (sindacato mondiale dei calciatori) a Fifa ed Uefa per cercare di fare luce sul tutto, unita all’irremovibilità dimostrata da Sneijder nel non voler assolutamente sottoporsi al ricatto della società, hanno evidentemente indotto Moratti a scegliere una linea più morbida.

Ma non c’è solo semplice strategia dietro questa sorta di retromarcia. La piccola crisi di risultati, unita al rendimento non proprio eccellente di Coutinho ed Alvarez, hanno consigliato i vertici del club a lasciare via libera a Stramaccioni su un’eventuale convocazione o meno del centrocampista. Ciò non vuol necessariamente dire che tra Sneijder e il club meneghino le cose riprenderanno ad andare bene, tanto che la cessione del numero 10 nerazzurro difficilmente non coinvolgerà le prossime sessioni di mercato dell’Inter. Se non nel gennaio prossimo, sicuramente a giugno le strade dell’olandese e del “biscione” si separeranno. Al momento è sempre l’Anzhi la squadra maggiormente indiziata a rilevare le prestazioni del calciatore, mentre difficile pare il ventilato scambio con Pastore del Psg.