Uruguay-Italia 4-5, le pagelle di CalcioWeb: Diamanti, che perle! Buffon decisivo para 3 rigori!!!

DiamantiL’Italia vince ai calci di rigori la “finalina” della Confederations Cup dopo il 2-2 maturato sul campo, prima dopo i 90 minuti e poi dopo i tempi supplementari sofferti per l’espulsione di Montolivo che ha costretto gli Azzurri all’affanno conclusivo. Ai rigori sale in cattedra Gigi Buffon, che si riscatta subito dopo un brutto errore che aveva regalato a Cavani il 2-2 dell’Uruguay, parando ben 3 calci di rigore su 5 e regalando all’Italia la medaglia di bronzo di questa competizione.

Buffon 8 Una grande parata con il piede su Forlan, ma la punizione di Cavani doveva essere sua, non ci arriva in modo goffo nonostante il tiro sia centrale. Poi para i rigori di Forlan, Caceres e Gargano e regala all’Italia il 3° posto in questa Confederations Cup.
De Sciglio 6,5 Ottimo primo tempo, anche se i cross sono tutti troppo bassi: ma lì sulla sinistra è un’autentica spina nel fianco per la difesa avversaria.
Astori 6,5 Esordio con gol alla 5^ presenza in Nazionale in una gara buona, senza sbavature.
Chiellini 6 Prestazione di sacrificio su Suarez, macchiata dall’errore sul primo gol di Cavani quando si fa superare dal Matador in modo troppo facile.
Maggio 6 Non attacca quasi mai per un’evidente scelta tattica, ma difende bene.
Montolivo 6 Gara tra alti e bassi, meglio in fase di contenimento e interdizione rispetto a quando prova a impostare e sbaglia diversi palloni.
De Rossi 6 Grandissimo primo tempo, poi crolla nella ripresa, perde tanti palloni (tra cui quello da cui scaturisce l’1-1) e viene sostituito.
Candreva 7,5 Altra bella prestazione dopo la super-partita contro la Spagna.
El Shaarawy 5 Prandelli lo vede “svuotato” e il campo conferma l’impressione del mister. Non riesce a incidere come faceva qualche mese fa con la maglia del Milan, nonostante la squadra lo metta più volte nelle condizioni ideali. Si impegna tanto e senza ombra di dubbio supererà presto questo brutto momento.
Diamanti 8 Un grandissimo gol su punizione, decisivo anche in occasione del vantaggio e tanta classe su ogni pallone.
Gilardino 5 Non c’è mai, prova a farsi spazio ma non ci riesce e arriva sempre in ritardo sui tanti palloni buoni forniti dalla squadra. Unico merito quel lavoro sporco che fa salire la squadra, ma per una squadra che gioca con un’unica punta è il minimo indispensabile.
Aquilani 5 Prandelli lo manda in campo nella ripresa ma non entra mai in partita, perde solo palloni molto pericolosi per la retroguardia.
Giaccherini 6,5 Prova a scuotere la squadra quando entra nel finale, vivacizza un po’ il gioco in fase offensiva ma senza grandi cose. Un rigore perfetto, è lui il migliore Azzurro di questa Confederations Cup.
Bonucci 6,5 Sostituisce Astori nei tempi supplementari e lo fa in modo egregio nel momento migliore di Suarez e Cavani.
All. Prandelli 5 Il problema principale dell’Italia nelle ultime due partite è stato il gol: con Gilardino davanti non si riesce a concretizzare la grande mole di gioco prodotta dalla squadra. L’Italia orfana di Balotelli non può essere la stessa perchè SuperMario è un giocatore insostituibile, ma con tutto il rispetto per Gilardino, crediamo che attaccanti come Pazzini e soprattutto Matri avrebbero potuto fare molto meglio del bomber del Bologna che in due partite, contro la Spagna e oggi con l’Uruguay, non è riuscito ad azzeccarne una!