Brasile 2014: sarà il Mondiale più tecnologico di sempre

brasile 2014Sogni, campioni, notti magiche, ma anche tanta tecnologia per evitare errori e gettare al massimo del confort il cuore oltre l’ostacolo. Tra goal fantasma da smascherare, magliette sempre più hi tech e App all’ultimo grido, il Mondiale che sta per cominciare in Brasile potrebbe passare alla storia come il più tecnologico di sempre in campo e fuori. Il tutto a partire dai sistemi per rimediare ai goal-non-goal a cui la Fifa ha dato il via libera con l’obiettivo di evitare casi come quello relativo all’eliminazione dell’Inghilterra quattro anni fa in Sudafrica per via di una rete valida non convalidato a Frank Lampard contro la Germania. E così dopo i test nella Fifa Club World Cup in Giappone e Confederation Cup, finalmente la tecnologia è pronta a fare il suo esordio nei campi di calcio del Mondiale, alla pari di altri sport dove già da anni è utilizzata a supporto di arbitri e giocatori. A causa dei costi troppo elevati per la realizzazione e l’installazione del “goal reaf” di produzione inglese (utilizza un campo magnetico generato da una serie di antenne che fa scattare, in caso di completo passaggio sulla linea, un microchip segnalatore inserito dentro il pallone) e del “Hawk-hey”, il famoso occhio di falco già utilizzato nel tennis, la Fifa ha deciso di indire un bando sperando in proposte con costi minori e magari con migliori prestazioni. Ad essere eliminati dalla corsa ai Mondiali, anche questa volta, sono stati gli inglesi, per mano dell’azienda tedesca GoalControl grazie al GoalControl-4D, un sistema di 14 telecamere, 7 per porta, posizionate intorno al campo e sulla copertura dello stadio. Il sistema è collegato ad un potente impianto informatico che durante il match filtra tutti gli elementi in movimento, arbitro e giocatori, riuscendo a catturare la posizione della palla non appena si avvicina alla linea di porta. Una volta che il pallone supera la linea il sistema invia un segnale criptato all’orologio dell’arbitro, segnalando il gol in meno di un secondo. Tanta voglia di stupire in campo tecnologico anche da parte di diverse Nazionali: le dieci rappresentative che indosseranno maglie Nike in Brasile (Brasile, Francia, Inghilterra, Olanda, Portogallo, Stati Uniti, Australia, Korea del Sud, Grecia e Croazia) combinano innovazioni tecnologiche (la tecnologia Dri-FIT) per mantenere costante la temperature del corpo dei giocatori e sono prodotte con materiali ecosostenibili ottenuti dal recupero di bottiglie di plastica. Nike però ha creato anche una collezione che i giocatori utilizzeranno fuori dal campo. La collezione è composta da capi che scandiscono i diversi momenti della giornata di un calciatore dalla fase di riscaldamento, al momento dell’inno nazionale, alle fasi di gioco e allenamento fino agli impegni con la stampa, i viaggi e i momenti di relax in ritiro. A proposito di App per seguire i Mondiali ce n’e’ una per scoprire quello che fanno le più belle mogli dei calciatori: si chiama WagsApp, non solo un ennesimo social su cui vedere le foto dei loro mariti ma una vera e propria classifica in cui votare la wags preferita, quella più attiva, quella più discreta, quella più “wags” di tutte.

  20:26 28.05.14
Condividi
article
95784
CalcioWeb
Brasile 2014: sarà il Mondiale più tecnologico di sempre
Sogni, campioni, notti magiche, ma anche tanta tecnologia per evitare errori e gettare al massimo del confort il cuore oltre l’ostacolo. Tra goal fantasma da smascherare, magliette sempre più hi tech e App all’ultimo grido, il Mondiale che sta per cominciare in Brasile potrebbe passare alla storia come il più tecnologico di sempre in campo
https://www.calcioweb.eu/2014/05/brasile-2014-mondiale-tecnologico-sempre/95784/
2014-05-28 20:26:29
https://www.calcioweb.eu/wp-content/uploads/2013/01/brasile-2014.jpg
Mondiali
Mondiali Brasile 2014
Torna alla Home