Mondiali, la Germania celebra i suoi campioni: festa grande a Berlino [FOTO]

CalcioWeb

La Germania intera ha festeggiato degnamente i neo campioni del Mondo. Erano in più di 400mila i tifosi che hanno affollato le strade di Berlino per accogliere i ragazzi di Joachim Loew, reduci dal trionfo nella finale della Coppa del Mondo contro l’Argentina. Un’attesa lunga 24 anni ma che ne è valsa la pena, almeno per chi oggi era nella celebre piazza dinanzi alla porta di Brandeburgo. I giocatori tedeschi, tutti vestiti di nero con il numero ‘1’, si sono lasciati ad andare ad una giornata intera di feste, canti, balli il tutto al ritmo di quella stessa musica che fu la colonna sonora del trionfo azzurro del 2006 proprio in Germania. I tifosi sono cominciati ad arrivare durante la notte per assicurarsi i posti migliori e vedere da vicini, toccare, i loreo beniamini.

La Nazionale tedesca è sbarcata questa mattina al ‘Tegel Airport’ su un aereo con tanto di scritta celebrativa dei neo campioni del Mondo. E’ stato il capitano Philipp Lahm a ‘sbucare’ per primo dal’aereo con la Coppa, mentre sulla terrazza panoramica dell’aeroporto i tifosi applaudivano al coro di ‘Football’s Coming Home’ (‘Il calcio sta tornando a casa’). Dietro di lui, è apparso Bastian Schweinsteiger, avvolto in una bandiera tedesca. Il centrocampista sfoggiava una benda sotto l’occhio destro, risultato della ferita riportata nel corso della partita contro l’Albiceleste. La nazionale è quindi arrivata a fatica tra un’ala di folla alla Porta di Brandeburgo su un autobus scoperto. “Siamo tutti campioni del mondo!”, ha gridato il ct Loew alla folla.

“E’ stato un lungo cammino per il titolo ed è stata incredibilmente dura fino alla fine. Ma siamo molto felici di essere qui con i tifosi ora”, ha aggiunto il ct tedesco. Tra i più applaudi da parte dei tifosi ovviamente il ‘golden boy’ Mario Goetze, autore del gol vittoria contro l’Argentina in finale. L’attaccante del Bayern è stato accolto da cori ed applausi dal mare di tifosi sventolanti bandiere della Germania. Il centrocampista Toni Kroos ad un certo punto ha invitato la folla a cantare il nome di ‘Miro Klose’, un tributo al veterano attaccante con i suoi 16 gol è diventato il capocanniere di tutti tempi nella storia del Mondiale. Cori, striscioni e applausi anche per altri due protagonisti della cavalcata trionfale, vale a dire il ‘Dio del calcio’ Bastian Schweinsteiger e Thomas Mueller. Nel viaggio di circa due ore sul bus scoperto, partito dall’aeroporto e giunto in centro in mezzo ad una folla in delirio, i componenti della squadra hanno indossato magliette nere con il numero ‘1’ sul davanti.

Lukas Podolski ha postato un ‘selfie’ con Schweinsteiger e il trofeo, twittando: ‘La Coppa è a Berlino!’. ‘Wow, che cosa sta succedendo qui… Incredibile!’, il commento di Goetze sui social network. “Siamo solo mega-orgogliosi di questo risultato ora che finalmente abbiamo vinto con questa squadra sensazionale”, ha detto il difensore Per Mertesacker.

Una autentica fiumana di persone ha accolto la squadra tedesca alla porta di Brandeburgo, dove la festa è andata avanti ancora per ore. “È indescrivibile”, ha detto un tifoso venuto da Hannover. Tifosi sono venuti da tutto il paese: “In molti hanno rinunciato alle loro vacanze per venire qui. È assolutamente pazzesco”, ha aggiunto. “Sapevamo che sarebbe accaduto. Era chiaro fin dall’inizio dell’anno che avevamo la squadra migliore. È perfetto”, ha detto una tifosa berlinese. Dopo la festa a Berlino i giocatori che giocano nel Bayern sono volati a Monaco dove sono in programma altre celebrazioni in onore dei campioni del Mondo.

Condividi