Dal 2000 ad oggi: i 10 migliori talenti lanciati dall’Atalanta [FOTO]

  • LaPresse/Iannone
  • Mauro Locatelli
  • MAGNI THOMAS
  • Sportiello (LaPresse/Mauro Locatelli)
  • Paola Garbuio
  • Mauro Locatelli
  • Mauro Locatelli
  • Mauro Locatelli
  • MAGNI THOMAS
  • Mauro Locatelli
/
CalcioWeb

Tutti i grandi talenti passati dal vivaio bergamasco

Una fucina di talenti, uno dei migliori vivai d’Italia, un lavoro all’avanguardia per la crescita dei giovani calciatori. Questa è l’Atalanta. Tanti i ragazzi di belle speranze passati e cresciuti con indosso la maglia della Dea, lanciati con coraggio pronti per il grande salto. Sono davvero molti i calciatori che si sono affermati a Bergamo, ne abbiamo scelti dieci, ecco l’elenco:

DAVIDE ZAPPACOSTA. L’Atalanta aveva osservato bene il vivaio del Sora e da lì è arrivato questo laterale dalla grande corsa e con ottime propensioni offensive. Le grandi annate ad Avellino gli sono valse il ritorno in maglia nerazzurra, lo scorso anni 3 le reti e il posto da titolare fisso, in estate la cessione al Torino.

ANDREA CONSIGLI. Adesso è uno dei portieri più affidabili della serie A, nel 2008 dopo vari prestiti viene richiamato all’Atalanta per fare il secondo di Coppola. Il 22 Febbraio 2009 esordisce e non esce più dalla porta fino al passaggio al Sassuolo.

ROLANDO BIANCHI. Tra i 10 è il precursore, colui che è stato lanciato prima dal allora tecnico dall’allora tecnico Vavassori. 43 presenze e una sola rete, in Coppa Italia, quando provò il ritorno romantico nel 2014. Adesso è in Spagna a Maiorca.

SIMONE ZAZA. Forse l’Atalanta non ha mai creduto pienamente nel talento di questo ragazzino, numero 99 sulle spalle ed esordio in serie A nel 2009. Si svincola dalla Dea e comincia la sua ascesa nel grande calcio fino ad arrivare alla Juventus.

MARCO SPORTIELLO. L’unico che ancora milita in maglia Atalanta ed è anche quello esploso più tardi rispetto agli altri. Dopo la cessione di Consigli si ritrova catapultato nel ruolo di titolare, fino a quel momento era arrivato solamente alla Lega Pro. Marco però risponde presente e si gode i frutti del suo impegno e lavoro quotidiano.

DANIELE BASELLI. Finalmente è arrivato il suo momento, a goderne però e il Torino che lo ha acquistato quest’estate insieme a Zappacosta. Un centrocampista concreto, forte e tutto fare con un ottimo tiro dalla lunga distanza. A Bergamo 50 partite in massima serie, nel mezzo l’avventura al Cittadella.

MANOLO GABBIADINI. Un calciatore straordinario, numeri da fantasista e concretezza da prima punta. Il piccolo Manolo colleziona 25 presenze e una sola rete, il passaggio alla Sampdoria e la definitiva esplosione a Napoli.

GIACOMO BONAVENTURA. Imprescindibile per il Milan, conquista la promozione con l’Atalanta. Uno dei pupilli di Colantuono che non può fare a meno di questo esterno tuttofare dalle grandissime qualità tecniche e soprattutto caratteriali. Le grandi prestazioni gli aprono le porte per il salto in maglia rossonera.

GIAMPAOLO PAZZINI. A 19 anni segna 9 reti in serie B che valgono la promozione. Il Pazzo si conferma anche l’anno dopo in serie A dove attira le attenzioni della Fiorentina che a gennaio versa nelle casse dell’Atalante 6,5 milioni. Attaccante moderno, completo, vive i migliori anni di carriera a Genova sponda Samp.

RICCARDO MONTOLIVO. Compagno di Pazzini, gioca ben 73 partite con l’Atalanta dove esordisce appena maggiorenne. Punizioni, geometrie che fanno innamorare il pubblico dell’Atleti Azzurri d’Italia. Per 5,5 milioni passa alla Fiorentina dove diventa uno dei punti fermi dello scacchiere viola conquistando la Nazionale.

Condividi