Juan Jesus risponde ad insulti ed auguri di morte: “Accetto le critiche, non questo!”

Juan Jesus è stato protagonista di un avvio davvero negativo con la maglia della Roma, toppando, in particolare, le ultime due partite giocate contro Sampdoria e Viktoria Plzen. L’ultima frontiera della contestazione è ormai rappresentata dai social network, dove gli utenti di tutto il mondo hanno la possibilità di far sentire la propria voce. Problematico diventa quando molti di loro si sentono in diritto di insultare ed attaccare liberamente, arrivando ad utilizzare parole pesanti e perfino ad augurare la morte. Lo sa bene proprio Juan Jesus, costretto a cancellare alcuni commenti davvero di pessimo gusto indirizzati a lui da una piccola parte dei tifosi giallorossi, insoddisfatti del suo rendimento. La reazione del brasiliano è arrivata con una foto pubblicata su ‘Instagram’, raffigurante un branco di lupi ed accompagnata dalle seguenti parole: “Come vedete, non ho bloccato alcun social. Il mio staff, come sempre, cancella i messaggi offensivi e volgari come questi: “Dio ti fulmini” “devi morire”. Chi vuole criticare in toni civili è libero di farlo. Io per primo so che ho commesso degli errori e soffro per questo. Il mio unico pensiero è recuperare la migliore condizione, superare definitivamente il problema alla caviglia e ripagare la fiducia di società e allenatore. Lotterò ogni secondo per la Roma. Per onorare questa maglia che ho fortemente voluto e per dare il mio contributo affinché il gruppo rimanga sempre unito. Perché noi restiamo insieme soprattutto nei momenti in cui si deve reagire