Mazzola e la confessione shock: “Moratti voleva Moggi all’Inter! Io vicino alla Juve…”

  • NOTIZIE DEL GIORNO
    Moggi (Foto Vincenzo Livieri - LaPresse)
  • Inter Moratti
    Moratti (LaPresse/Gian Mattia D'Alberto)
  • LaPresse/Spada
  • Inter Juve
    LaPresse/Spada
  • Moratti (LaPresse/Spada)
/
CalcioWeb

Sandro Mazzola ha rilasciato una lunga intervista ai microfoni di ‘GazzaMercato’ facendo una confessione shock, secondo la quale Moratti abbia più volte tentato di convincere Moggi a passare all’Inter:

Negli anni mi ero accorto che Moggi era diventato un consigliere di Moratti, facendogli credere ogni anno che sarebbe venuto all’Inter. Non credo però che questo sia stato decisivo per la mia mancata riconferma come dirigente. In realtà Moggi non ha mai voluto il bene dell’Inter, è sempre stato un grande manovratore”.

Mazzola ha poi svelato di essere stato vicino alla Juventus: “Capitò anche che mi volesse la Juventus era il 1967. In base a una nuova disposizione della Federazione ogni anno scadevano i contratti. Era maggio e io stavo uscendo dall’allenamento ad Appaino Gentile. Mi avvicinai alla mia macchina e mi accorsi che di fianco ce ne era un’altra targata Torino.

Da questa scese un autista, era la prima volta che vedevo una macchina col telefono. Mi passò l’avvocato Agnelli, che mi diede appuntamento per una colazione a Villar Perosa. Dopo avermi parlato di mio padre e del ‘Grande Torino’, visto che a fine anno sarei stato svincolato, mi offrì un’agenzia Sai, una concessionaria Fiat e il doppio dell’ingaggio per trasferirmi alla Juve. Mi tremavano le gambe. Chiesi un giorno di tempo”.

Condividi