Barcellona-Juventus, il parere di Moggi: “Remuntada? Ecco cosa penso”, poi esalta Dybala

  • NOTIZIE DEL GIORNO
    Moggi (Foto Vincenzo Livieri - LaPresse)
  • Moggi (LaPresse/Spada)
  • LaPresse/Daniele Badolato
  • LaPresse/Spada
  • Mandzukic (Foto LaPresse/Fabio Ferrari)
  • LaPresse/Alfredo Falcone
  • LaPresse/Fabio Ferrari
  • LaPresse/Fabio Ferrari
  • LaPresse/Fabio Ferrari
  • LaPresse/Fabio Ferrari
  • LaPresse/Daniele Badolato
  • LaPresse/Daniele Badolato
  • LaPresse/Daniele Badolato
  • LaPresse/Fabio Ferrari
  • LaPresse/Marco Alpozzi
  • Higuain (Foto LaPresse/Spada)
  • LaPresse/Spada
  • LaPresse/Spada
  • LaPresse/Marco Alpozzi
  • LaPresse/Marco Alpozzi
  • LaPresse/Spada
  • LaPresse/Daniele Badolato
  • LaPresse/Marco Alpozzi
/
CalcioWeb

Cresce l’attesa per Barcellona-Juventus. In vista del ritorno dei quarti di finale di Champions League, Luciano Moggi, intervistato da ‘As’, ha espresso il suo parere sul big match del ‘Camp Nou’: «Il 3-0 dell’andata? Mi aspettavo una partita positiva. Il Barcellona a Malaga non aveva dato una bella impressione e Messi non sta vivendo il suo miglior momento. Non mi aspetto una rimonta come contro il Psg, la difesa della Juventus è assolutamente un’altra cosa. Passare in semifinale sarebbe un grande passo verso il trionfo in Champions, ma attenzione al Real».

L’ex direttore generale bianconero ha poi attaccato Luis Enrique: «Sono senza allenatore. Se un tecnico dice che a fine anno andrà via, la squadra perde ogni motivazione. E in campo si vede. A Torino il loro centrocampo non ha sostenuto né il tridente d’attacco né la difesa».

Infine Moggi esalta Dybala: «Vincerà senza dubbio il Pallone d’Oro, ha i piedi e la testa da campione. E non lo farà al Real Madrid o al Barcellona perché Paulo resta a Torino. Ha rinnovato il contratto ed è al centro del progetto bianconero».

Condividi