Fiorentina bella e con ampi margini di miglioramento: i tifosi chiedano scusa a Corvino!

Contro la Spal per la Fiorentina è arrivata la terza vittoria in questo campionato. Un netto 3-0 grazie ai gol di Milenkovic, Chiesa e Marko Pjaca, alla sua prima rete in Serie A. 10 i punti conquistati dai viola nelle prime cinque partite: tre i successi contro Chievo, Udinese e Spal, un pareggio in trasferta con la Sampdoria e la sconfitta sul campo del Napoli. Un ruolino di marcia da alta classifica che ha riportato entusiasmo nella piazza gigliata. L’obiettivo dei Viola è quello di divertire e divertirsi per raggiungere un posto in quell’Europa sfiorata in estate per le note vicende che hanno riguardato il Milan, escluso e poi riammesso dall’Europa League.

Risultati Serie A
Jennifer Lorenzini/LaPresse

Il lavoro svolto in estate sul mercato dalla società sta dando i propri frutti. Nonostante un budget limitato, Pantaleo Corvino è riuscito ad accontentare Pioli mettendo a disposizione del tecnico dei giocatori giovani ma di qualità. Gerson, Pjaca ed Edimilson, tutti acquistati in prestito, si stanno rivelando delle scommesse vinte ma anche Lafont, ai box per infortunio, e Mirallas sono pronti a ritagliarsi uno spazio importante per contribuire alla crescita della formazione gigliata. Il grande merito dell’ex ds del Bologna è stato anche quello di trattenere tutti i big: da Chiesa, corteggiato da diverti top club, a Milenkovic, acquistato per soli 5 milioni dal Partizan e per il quale in estate sono stati rifiutati circa 40 milioni di euro. Senza dimenticare Giovanni Simeone, con molte squadre che nella scorsa sessione di mercato hanno chiesto informazioni.

I tifosi si possono quindi godere una Fiorentina bella e divertente che ha ampi margini di miglioramento. Eppure fino a qualche mese fa, la piazza chiedeva la “testa” di Corvino perché insoddisfatta del lavoro svolto dal dirigente salentino che ha dovuto fare scelte difficili per ripianare un passivo di 38 milioni di euro. Ora invece tutti sul carro del vincitore. Corvino meriterebbe delle scuse perché ancora una volta ha dimostrato di essere uno dei migliori direttori sportivi in circolazione e nei prossimi anni Firenze se ne renderà ancora più conto!