Focus Champions League – Tutto sul Liverpool, dal punto debole un indizio per Ancelotti: serve un ritorno al passato!

La sosta per le nazionali sarà servita a Carlo Ancelotti per sistemare la sua squadra, reduce da un pesante ko in terra genovese contro la Sampdoria. Il Napoli è chiamato al riscatto per non perdere troppo terreno dalla vetta, con la Juventus già sopra di 3 punti. I partenopei hanno evidenziato soprattutto delle lacune nel reparto difensivo, un aspetto preoccupante considerando che uno degli avversari del girone di Champions in cui gli azzurri sono stati inseriti è il Liverpool di Jurgen Klopp. I Reds sono una squadra abituata a segnare molto, grazie ad un trio offensivo da paura composto da Manè, Salah e Firmino. Al Napoli non poteva capitare avversario peggiore dalla terza fascia. In Inghilterra, infatti, il Liverpool è considerato la prima antagonista del Manchester City campione in carica e una delle compagini favorite a lottare per la vittoria della coppa dalle grandi orecchie. D’altronde già l’anno scorso i Reds sono andati molto vicini dal trionfo in Europa. I Klopp boy’s si sono arresi in finale solo al Real Madrid con la sfida fortemente condizionata dagli errori di Karius.

Liverpool, che mercato!

Proprio i gravi sbagli di Karius a Kiev hanno convinto il Liverpool a cercare un nuovo portiere sul mercato. E i Reds non hanno badato a spese acquistando dalla Roma uno degli estremi difensori più forti sulla piazza: ovvero Alisson Becker. Ma la campagna acquisti del club vice-campione d’Europa ha regalato anche altri colpi importanti, come Naby Keita dal Lipsia e Fabinho dal Monaco. Ma hanno pensato anche a rendere più profondo l’organico in attacco, ingaggiando l’ex Inter Shaqiri.

AFP/LaPresse

Precedenti e punti di forza/deboli

Napoli e Liverpool si sono incontrati due volte nella loro storia: le due gare risalgono alla prima fase a gironi europea del Napoli di De Laurentiis, nell’edizione 2010-11 dell’Europa League con Mazzarri in panchina. Finì 0-0 al San Paolo e 3-1 ad Anfield con illusorio vantaggio di Lavezzi. A livello di amichevole invece c’è da registrare il pesante 5-0 subito dalla squadra di Ancelotti nel pre-campionato di qualche settimana fa.

PUNTI DI FORZA – Uno dei punti di forza è sicuramente la velocità. In attacco fanno a gara chi è più veloce tra Salah, ex Roma e Manè. Quest’ultimo ha dichiarato di essere più veloci. Domanderemo ai difensori azzurri.

PUNTI DEBOLI – Anche qui la difesa sarà il punto debole. I terzini spingono molto, ma centralmente, pur essendo molto alti, quindi sarà dura per Milik, sono lenti e Insigne, Mertens, Verdi e gli altri, li possono davvero mettere in difficoltà. Servirà quindi un Napoli con l’attacco leggero. Il Napoli di Sarri.