Focus Champions League – Tutto sul Real Madrid: MD7 “cancella” CR7, standing ovation per Manolas al Bernabeu?

L’inizio di campionato della Roma non è stato certo dei più semplici. I giallorossi hanno ottenuto una vittoria sofferta alla prima giornata contro il Torino e un pareggio in extremis con l’Atalanta alla seconda, mentre nell’ultimo weekend è arrivato il primo ko stagionale per mano del Milan. Nonostante l’ottimo mercato svolto da Monchi, il tecnico Di Francesco fatica a trovare il vestito adatto per questa nuova Roma, orfana di tre pedine importanti come Nainggolan, Strootman e Alisson. L’esperimento della difesa a 3 visto contro il Milan, con Pastore dietro Schick e Dzeko, è stato decisamente fallimentare con la squadra che è apparsa disorientata e priva di idee. Nella ripresa invece il ritorno della linea a 4 con due esterni offensivi ha permesso ai capitolini di rimanere in partita fino all’ultimo. Durante la sosta, Di Francesco dovrà lavorare sodo per cercare di trovare la quadra, anche perché alla ripresa inizierà anche la Champions League.

Dall’urna di Montecarlo, la Roma ne esce soddisfatta visto che ha tutte le carte in regola per passare il turno. I giallorossi sono stati inseriti nel Gruppo G con Real Madrid, Cska Mosca e Viktoria Plzen. Verosimilmente, il club capitolino si giocherà il primo posto del girone con i Blancos, che rimangono nettamente favoriti. E non potrebbe essere altrimenti, visto che le Merengues sono reduci da tre Champions consecutive, l’ultima vinta a Kiev contro il Liverpool. Per il Real è stata però un’estate tormentata che ha visto l’addio in panchina di Zidane ma soprattutto la partenza di Cristiano Ronaldo, che ha scelto l’Italia e la Juventus per rimettersi in gioco.

Diaz Mariano (LaPresse/EFE)

Da qualche mese è iniziata quindi l’era Lopetegui, al quale la società non ha messo a disposizione un grande colpo per sopperire alla cessione di CR7, se non quello del portiere Courtois. Per dimenticare e cancellare l’asso portoghese, però, incassati i numerosi no di Hazard, Mbappè e Neymar, il Real Madrid ha deciso di riportare a casa il talento Mariano Diaz, dopo l’anno di prestito vissuto in Francia al Lione. Originario della Repubblica Domenicana, Mariano ha scelto proprio la maglia numero 7 per dare il via all’era post Cristiano Ronaldo. Anche senza il nuovo idolo bianconero, comunque, i Blancos rimangono una squadra di valore assoluto come si può notare dalla formazione tipo: 4-3-3 Courtois; Carvajal, S.Ramos, Varane, Marcelo; Kroos, Modric, Casemiro; Isco, Bale, Benzema.

Roma, tutti i precedenti con il Real Madrid

Sono ben 10 gli incroci tra giallorossi e Blancos, con gli spagnoli vittoriosi in ben 6 occasioni, a fronte delle 3 giallorosse e dell’unico pareggio. La sfida più recente è quella di due anni fa agli ottavi di finale. Il Real Madrid di Zidane piegò per ben due volte i capitolini per 2-0, eliminando la squadra di Spalletti dalla competizione. L’ultima vittoria romanista risale a dieci anni fa: era il 2008 e sulla panchina giallorossa sedeva sempre l’attuale tecnico dell’Inter. Il Real Madrid di Schuster perse sia all’Olimpico prima ed al Bernabeu poi sempre con il medesimo risultato, 2-1. L’unico pareggio arrivò durante la fase a gironi dell’edizione 2001/02 (1-1).

Real Madrid-Roma è già iniziata sui social: Manolas protagonista

Manolas (Foto Alfredo Falcone/LaPresse)

Dopo l’impresa compiuta dalla Roma contro il Barcellona nei quarti di finale della scorsa Champions, i due club continuano a punzecchiarsi sui social. E questa volta è finito in mezzo anche il Real Madrid. Al termine del sorteggio di Montecarlo, infatti, i giallorossi si sono resi protagonisti di un tweet davvero divertente con protagonista Manolas, autore del colpo di testa vincente che regalò la qualificazione ai capitolini contro i blaugrana. “Ora ci aspettiamo una standing ovation per quest’uomo (Manolas, appunto) al Bernabeu”, il messaggio pubblicato dalla Roma appena dopo aver pescato i Blancos nell’urna di Montecarlo. Come dire: la scorsa stagione vi abbiamo tolto di mezzo il Barça, ora almeno restituiteci il favore.