Inter, la conferenza di Spalletti alla vigilia dell’importante match contro la Spal

CalcioWeb

Ha appena parlato in conferenza stampa il tecnico dell’Inter, Luciano Spalletti, alla vigilia del match di domani alle 15 contro la Spal. Tanti i temi toccati dal mister nerazzurro, ecco nel dettaglio le sue dichiarazioni.

Sulle recenti prestazioni della sua squadra, Spalletti dichiara: “A Cagliari siamo stati sotto livello, a Francoforte abbiamo fatto ampiamente il nostro dovereI risultati da qui in avanti saranno fondamentali per mantenere la posizione Champions. Sulle prestazioni altalenanti dell’Inter, aggiunge: “In alcuni momenti della stagione abbiamo fatto molto bene, in altri meno. Anche nell’ultima partita abbiamo fatto cose molto buone, domani mi aspetto che tutti quelli che scenderanno in campo e quelli che saranno in panchina diano il massimo”

Sul fondamentale apporto del tifo nerazzurro, soggiunge: “Quasi 65.000 tifosi per Inter-Spal Siamo abituati, i tifosi sono sempre presenti, vogliono avere una parte importante nel nostro percorso. Domani ci saranno 65.000 numeri uno, come l’anno scorso sono rimasti convinti delle nostre qualità. Anche quest’anno credono in noi. Vogliamo festeggiare tutti assieme a San Siro, con i nostri tifosi, il compleanno numero 111 dell’Inter“.

Sulla formazione, il tecnico di Certaldo, dà poche indicazioni: “Abbiamo un numero di giocatori sufficiente per mettere in campo l’Inter e sarà così anche nelle prossime partite. Gli allenamenti contano per tutti ma se hai giocato per sei mesi e stai 10 giorni fermo questo ti aiuta a recuperare più in fretta. Potrà succedere che sostituirò dei titolari con altri titolari, qualcuno dovrò cambiarlo. Io devo pensare ai risultati, c’è sempre meno tempo per recuperare. Io devo pensare a mettere in campo la squadra per dare soddisfazioni al nostro pubblico“.

Sul reparto difensivo, afferma: “De Vrij e Skriniar tanno dando un contributo importante ma non dimentichiamoci di Miranda e Ranocchia e dei nostri esterni difensivi. In difesa ancora più che in attacco, è il comportamento di reparto a fare la differenza“.

Sulle condizioni fisiche della sua squadra asserisce: “”Analizzando le statistiche del campionato, la nostra squadra è una di quelle che percorre più chilometri. Proprio per l’importanza del momento, sono sicuro che metteremo in campo uno sforzo extra dal punto di vista fisico“.

Sulla vicenda che tiene banco da oltre un mese, dichiara: “Icardi ha detto a me e al dottore: “ho male, ve lo dico io quando ricomincio”. Io ho incassato e sono tornato a casa. Non sono stato aggiornato, chi meglio di Marotta sa portare avanti questa situazione? Lui tutelerà sicuramente tutte le componenti con l’esperienza che ha. E’ giusto che chiediate a lui, porta avanti lui questa possibilità di dialogo. Per quanto mi riguarda devo usare bene il tempo per i risultati“.

Sulle condizioni di Nainngolan: “Penso sia difficile vederlo in campo per il derby, ma lo valutiamo giorno per giorno. Al momento non possiamo dire molto più di questo“.

 

Condividi