Evra nei guai, insulti omofobi e minacce a PSG: “Una banda di checche”

CalcioWeb

Nel bene e nel male, Evra finisce sempre a far parlare di sé. Questa volta nel male. E’ infatti diventato virale sui social un suo video di 45 secondi, pubblicato su Snapchat, in cui si lascia andare ad insulti omofobi e minacce al Paris Saint Germain. E’ l’Equipe a darne notizia.

Secondo il quotidiano francese, l’ex terzino della Juventus avrebbe definito la compagine parigina “una banda di checche, una squadra che non vince mai“. E ancora, in riferimento alla sfida persa da Mpabbé e compagni contro il Manchester United agli ottavi di finale di Champions League: “Noi abbiamo fatto scendere in campo la squadra D, nemmeno la squadra C, loro hanno fatto giocare i bambini, che poi ci hanno pulito le scarpe. Quelli non hanno nemmeno lo sperma ancora“. 

Ma è un’altra la frase incriminata dai media transalpini: “Voi ve ne state lì, a Parigi, a stendere il tappeto rosso a quella banda di femminucce”. L’ex bianconero avrebbe usato infatti il termine omofobo “baltringues” per riferirsi ai giocatori del PSG. Nel filmato l’ex giocatore della squadra francese, nelle cui giovanili ha militato tra il 1997 e il 1998, ha minacciato anche Jerome Rothen, collaboratore dell’emittente RMC ed ex giocatore del PSG, in cui ha giocato tra il 2004 e il 2010: “Rothen, darò uno schiaffo a sua madre“.

SCARICA GRATIS L’APP DI CALCIOWEB PER ESSERE SEMPRE AGGIORNATO IN TEMPO REALE

Condividi