Corsa Champions, Inter in vantaggio, poi cinque squadre in 3 punti, chi ascolterà la famosa musichetta?

La corsa per i posti in Europa si fa sempre più interessante: Inter terza a 57, poi cinque squadre in 3 punti, chi avrà la meglio?

Champions League Trophy
LaPresse/Spada

A 7 giornate dalla fine c’è la fila per il quarto posto. La zona Champions League è sempre più intasata e vede, ora, cinque squadre ravvicinate. Chi la spunterà? Difficile fare previsioni, ma, analizzando il calendario e il momento che vivono le squadre coinvolte per l’Europa si potrebbe avere un quadro più chiaro della situazione. Partiamo dal presupposto che due posti sono già assegnati, il terzo sembra appannaggio dell’Inter con 57 punti, anche se i nerazzurri non possono certo dirsi tranquilli. Le altre, Milan, Atalanta, Roma, Lazio e Torino hanno tutte le carte in regola per provare l’assalto alla quarta piazza, ultima utile per l’accesso alla fase a gironi della Coppa dalle grandi orecchie. Più defilata la Sampdoria di Giampaolo che, dopo le ultime sconfitte, appare fuori dai giochi a 45 punti, a -7 dal quarto posto. Andiamo a vedere nel dettaglio l’analisi del calendario e delle possibilità di ciascuna delle squadre implicate.

Spalletti
Spalletti (AFP/LaPresse)

INTER  57 PUNTI – I nerazzurri di Luciano Spalletti sembravano essere rinati con la vittoria nel derby; poi, lo stop casalingo con la Lazio, la vittoria di Genova, favorita dal fatto di aver giocato in superiorità numerica per buona parte della gara, e un nuovo stop con il pareggio a reti bianche con l’Atalanta. L’Inter non si è distinta per la continuità in questa stagione, ma i nerazzurri partono da una base importante, i 5 punti si vantaggio sulle altre, che non sono tanti, ma certamente fanno stare più tranquilli i tifosi. Il principale problema dei nerazzurri sembra essere quello del gol. Ora con un Icardi in più, potrebbe risolversi questa poca prolificità. Il calendario dice: Frosinone, Udinese e Napoli in trasferta, Roma Juve, Chievo ed Empoli in casa. L’impegno allo “Stirpe” non sarà dei più semplici, visto che la squadra di Baroni ha ritrovato entusiasmo e crede più che mai nella salvezzaScontro diretto con la Roma, con il vantaggio di giocarlo in casa e partita tra le mura amiche anche contro la Juve, che sarà sicuramente già Campione d’Italia. Trasferta di Udine contro un’altra squadra coinvolta nella lotta salvezza, tre punti facili contro il Chievo, che sarà già retrocesso, trasferta difficilissima al San Paolo, con un Napoli che però potrebbe avere la testa altrove in caso di qualificazione ai prossimi turni di Europa League e che in ogni caso sarà già sicuro del secondo posto e ultima giornata ad Empoli, con i toscani che potrebbero già conoscere il loro destino. I nerazzurri hanno un calendario di media difficoltà ma hanno ottime possibilità di arrivare in Champions, a meno di clamorosi tracolli. 

gattuso
Gattuso (Spada/LaPresse)

MILAN 52 PUNTI – I rossoneri di Rino Gattuso occupano attualmente il quarto posto, l’ultimo utile per la qualificazione in Champions. Quando sembrava aver trovato sicurezza e stabilità, ecco che il Milan è tornato ad affrontare i soliti problemi. Sconfitta nel derby e contro la Sampdoria, pari con l’Udinese e sconfitta allo Stadium contro la Juventus, seppur tra le polemiche. Anche i rossoneri non si sono certo distinti per la continuità dei risultati, ma potrebbero avere dalla loro il fatto di aver trovato prestazioni positive dalla difesa prima delle ultime quattro partite. L’arma in più del Milan potrebbe essere la capacità di Piatek di incidere anche con un solo pallone toccato, quello che potrebbe risultare negativo è, invece, l’incapacità di fornire le punte di palloni giocabili. Gattuso sa però di giocarsi il futuro nelle ultime gare e con un mancato piazzamento in Champions sarebbe quasi certamente esonero assicurato. Il calendario è abbastanza favorevole: partite in casa contro Lazio, diretta concorrente, Bologna e Frosinone, entrambe coinvolte nella lotta salvezza; trasferte, invece, a Parma, abbastanza tranquilla, Torino, altro scontro diretto, Firenze, contro i viola che non hanno più nulla da chiedere a questo campionato e Ferrara alla penultima, con la Spal che potrebbe già essere sicura della permanenza nella massima serie. Quindi, anche per il Milan ci sono buone possibilità di centrare l’obiettivo, fermo restando che non si devono ripresentare i soliti problemi.

gasperini
Gasperini (Mauro Locatelli/Laresse)

ATALANTA 52 PUNTI – La squadra di Gian Piero Gasperini è ormai una realtà del nostro campionato. I bergamaschi sono il miglior attacco del torneo insieme alla Juventus. Giocano benissimo sia in casa che in trasferta e sembrano avere pochi punti deboli. Tengono molto la palla e sono un mix di gioventù ed esperienza che potrebbe essere decisivo. Dalla parte dell’Atalanta ci sono sicuramente un Duvan Zapata in formato stellare e un Ilicic stratosferico, che trasforma in oro ogni pallone che tocca. Gasperini ha ammesso nelle recenti interviste che l’obiettivo dell’Atalanta non è la Champions League ma la Coppa Italia dove, dopo il 3-3 sul campo della Fiorentina, ha buone possibilità di centrare la finale e sollevare il trofeo. Certo, trovandosi lì, non si tirerà certo indietro e se la giocherà fino alla fine, pur avendo un calendario molto difficile: Empoli, Udinese, Genoa e Sassuolo, tutte coinvolte nella corsa salvezza ma tutte alla portata dell’Atalanta e trasferte contro Napoli, Lazio e Juventus, tutte molto difficili.

ranieri
Ranieri (Luciano Rossi/AS Roma/ LaPresse)

ROMA 51 PUNTI – La squadra di Claudio Ranieri è tornata prepotentemente in corsa con la vittoria sul campo della Samp. I giallorossi vantano il quarto attacco della Serie A, nonostante la stagione assai negativa di Dzeko ma hanno una difesa che fa acqua da tutte le parti. Olsen e Fazio su tutti, sono stati imbarazzanti in alcune prestazioni, regalando spesso gol alle squadre avversarie. La Roma deve fare i conti con i pochi gol arrivati dalle punte: nessun attaccante in doppia cifra, il miglior realizzatore è El Shaarawy con 9 reti. I gol sono arrivati in maggior quantità dal centrocampo e dalla difesa: 7 reti per Kolarov, 4 per Fazio (meglio quando attacca che quando difende), 4 gol anche per Zaniolo, che potrebbe essere l’arma in più in questo rush finale. Inoltre, è tornato a disposizione Pellegrini, che aveva fatto molto bene in avvio di stagione e sta per rientrare anche Under, che con la sua imprevedibilità potrebbe offrire soluzioni alternative a Ranieri, che con Mirante al posto di Olsen sembra aver dato più sicurezza alla squadra. Il calendario dice: Udinese, Cagliari, Juventus e Parma in casa; trasferte a Milano con l’Inter, a Genova con i rossoblù e a Reggio Emilia con il Sassuolo, impegni non certo semplici ma anche i giallorossi possono crederci.

Lazio Inzaghi
Simone Inzaghi (Mauro Locatelli/Laresse)

LAZIO 49 PUNTI – La squadra di Simone Inzaghi è stata più volte criticata dai tifosi in questa stagione, abituati alle grandi prestazioni dello scorso campionato. I biancocelesti hanno migliorato la fase difensiva ma hanno fatto molta fatica in quella offensiva dopo le goleade della stagione passata. Immobile, Luis Alberto e Milinkovic-Savic non sono riusciti a confermarsi sui livelli della scorsa Serie A. L’arma in più potrebbe essere Correa, che quando è in giornata, può essere devastante agendo da trequartista. Lo scorso anno, la qualificazione è sfuggita all’ultima giornata nello scontro diretto con l’Inter. Anche quest’anno la Lazio ha avuto problemi contro le dirette concorrenti, ma se vuole evitare il finale amaro della scorsa stagione deve fare punti contro chi lotta per lo stesso suo obiettivo. Il calendario non è dei più semplici, ma i biancocelesti hanno anche una partita da recuperare: Milan, Sampdoria, Cagliari e Torino in trasferta; Chievo, Udinese, Atalanta e Bologna in casa. Tre scontri diretti dunque per Inzaghi, che dovrà fare punti per dimostrare che le critiche ricevute sono ingiuste.

mazzarri
Mazzarri (Marco Alpozzi/LaPresse)

TORINO 49 PUNTI – Il Toro di Walter Mazzarri è una delle sorprese di questa stagione. La forza dei granata è la fase difensiva, vantano, infatti, la quarta retroguardia del torneo. Davanti non si vedono tanti gol, complice anche la stagione non esaltante del “gallo” Belotti, che però sembra in ripresa negli ultimi mesi. Il trio Izzo-Nkoulou-Djidji è difficile da superare e, anche quando non segna, il Torino difficilmente esce sconfitto, solo 6 le partite perse dai granata. Sirigu, inoltre, sta vivendo la miglior stagione in carriera. I problemi del Torino sono la sterilità in avanti e un centrocampo che sta dando meno qualità rispetto alle ultime stagioni, ma che, se dovesse tornare a buoni livelli, potrebbe essere l’arma in più per sognare il quarto posto. Il calendario dice: Cagliari, Milan, Sassuolo e Lazio in casa; Genoa, il derby con la Juve e l’Empoli in trasferta. Anche qui, due scontri diretti e una partita sentitissima come il derby della Mole, già oggetto di polemiche per la data del 4 maggio, giorno delle celebrazioni di Superga.

In conclusione, una situazione parecchio incerta. Il calendario sembrerebbe favorire le due milanesi, ma si sa nel calcio non c’è nulla di scontato. Gli scontri diretti saranno sicuramente fondamentali e ce ne sono ancora cinque nelle ultime sette giornate. L’altro fattore che potrebbe incidere è la Juventus, che potrebbe risultare arbitro di questa corsa Champions, visto che tutte le squadre coinvolte, tranne Lazio e Milan dovranno affrontare i bianconeri. Chi avrà la meglio alla fine? Ci sarà un ritorno di Inter, Milan, Lazio, Roma o Torino nella principale Coppa europea o sarà il turno dell’Atalanta ascoltare per la prima volta la musichetta famosa della Champions League?

Scarica gratis o Aggiorna l’App da Google Play per dispositivi Android per essere sempre aggiornato in tempo reale sulle notizie della tua squadra

Scarica gratis o Aggiorna l’App di CalcioWeb sull’App Store per dispositivi iOS per essere sempre aggiornato in tempo reale sulle notizie della tua squadra

 

Valuta questo articolo

Rating: 5.0/5. From 1 vote.
Please wait...
  11:26 10.04.19
Condividi
article
10305358
CalcioWeb
Corsa Champions, Inter in vantaggio, poi cinque squadre in 3 punti, chi ascolterà la famosa musichetta?
A 7 giornate dalla fine c’è la fila per il quarto posto. La zona Champions League è sempre più intasata e vede, ora, cinque squadre ravvicinate. Chi la spunterà? Difficile fare previsioni, ma, analizzando il calendario e il momento che vivono le squadre coinvolte per l’Europa si potrebbe avere un quadro più chiaro della situazione.
https://www.calcioweb.eu/2019/04/corsa-champions-chi-la-spuntera/10305358/
2019-04-10 11:26:37
https://www.calcioweb.eu/wp-content/uploads/2017/06/juve-real-14.jpg
Atalanta,Champions,Champions League,Inter,Lazio,Milan,Roma,Torino
Atalanta
Torna alla Home