Clamoroso in Coppa d’Africa, l’Egitto manda a casa un calciatore: motivazione e accusa gravissime!

Coppa d'Africa, clamorosa decisione dell'Egitto: mandato a casa un calciatore dopo gravissime accuse ricevute

Clamorosa decisione dell’Egitto, paese ospitante dell’attuale Coppa d’Africa. La federazione calcistica egiziana ha infatti deciso di mandare via un calciatore della rosa attuale, Amr Warda. Motivazione? Le accuse di molestie sessuali mosse contro di lui da parte di una modella. “Amr Warda è stato escluso con effetto immediato dalla squadra dopo aver consultato lo staff tecnico e amministrativo. Una decisione presa per mantenere la disciplina e la concentrazione della squadra durante la Coppa d’Africa“, ha dichiarato la federazione in una nota pubblicata sul proprio sito web.

La donna coinvolta nel presunto scandalo, per dimostrare la veridicità, ha pubblicato su Twitter video e screenshot delle conversazioni avute con il centrocampista tramite WhatsApp. Già nel 2017 il club portoghese del Feirense aveva rescisso il contratto di Warda a seguito di alcune minacce di molestie sessuali nei confronti delle mogli di due dei suoi compagni di squadra. La sua esperienza in Portogallo durò solo tre giorni e fu trasferito nel suo attuale club greco Atromitos. Warda aveva giocato uno spezzone di partita nella gara di esordio dei padroni di casa in Coppa d’Africa, vinta 1-0 contro lo Zimbabwe. La decisione della federazione egiziana di escluderlo dalla competizione è arrivata a poche ore dal secondo impegno dei faraoni contro il Congo.