Cena Messi-Cristiano Ronaldo, l’argentino: “Per me nessun problema”. Poi parla di clausola e Pallone d’Oro

In un'intervista a 'Sport' Lionel Messi è tornato sulla possibile cena con Cristiano Ronaldo e sulla clausola presente nel contratto con il Barcellona

“Io a cena con Cristiano Ronaldo? Ho sempre detto che non ho alcun problema con lui, che non eravamo amici perché non avevamo condiviso uno spogliatoio. Ci siamo sempre visti ai galà o alle consegne dei premi”. Così Leo Messi, capitano e attaccante del Barcellona, in un’intervista a ‘Sport’, tornando sul rapporto con il grande rivale. “Non ho nessun problema, anche all’ultimo galà, quando abbiamo parlato di più, eravamo più vicini”, ha spiegato l’argentino. “Non so se ci sarà la cena perché non so se ci incroceremo, viviamo in posti diversi e abbiamo i nostri impegni. Ma se capitasse l’occasione, non ci sarebbero problemi”, ha aggiunto.

Messi è tornato anche sulle indiscrezioni secondo le quali potrebbe, se volesse, lasciare i blaugrana gratis nel 2020: “Non posso confermare nulla perché nei contratti esiste una clausola di riservatezza. Se parlassi, infrangerei quella clausola. Quello che posso dire è che voglio restare a Barcellona il più possibile, ha precisato. “Voglio chiudere la mia carriera qui perché questa è la mia casa. Inoltre – ha aggiunto la ‘Pulce’ – non voglio avere un contratto lungo e restare qui perché ho un contratto, ma perché voglio stare fisicamente bene, giocare ed essere importante, vedendo che c’è un progetto vincente“. 

Sulla scorsa stagione, Messi dice: “E’ stata grande fino alle ultime due partite. La sfida con il Liverpool e l’eliminazione ci hanno segnato. È stata una brutta stagione tra virgolette, perché abbiamo vinto solo la Liga. A livello personale – ha sottolineato – mi sono sentito molto bene anche se dico sempre che ciò che mi interessa sono i titoli collettivi. E l’anno scorso non abbiamo raggiunto gli obiettivi”. “Se mi sento favorito per il Pallone d’Oro? Non lo so, non si sa più chi sia il favorito o meno. Ultimamente guardi di più ai risultati a livello di squadra, il che non è male”, ha proseguito Messi. “Viene data molta importanza alla Champions League. Altre volte succede con i Mondiali, un torneo a cui viene data molta importanza e talvolta no. Non lo so”. 

Sul recupero dall’infortunio, ha aggiunto: “Mi sento meglio. La verità è che è stato molto brutto perché mi sono fatto male nel primo allenamento. Era un qualcosa di semplice. Ho avuto quindici giorni e quando pensavo di stare bene, in una delle sessioni di allenamento prima del Betis ne ho risentito e la ferita si è aperta un po’ di più”. 

Sugli obiettivi, Messi ha dichiarato: “Se firmerei per vincere la Champions e il secondo posto in Liga? No. All’inizio della stagione, diciamo sempre lo stessa cosa ma è la realtà: vogliamo vincere tutto. Ovviamente – ha dichiarato – mi piacerebbe vincere la Champions League perché è passato molto tempo dall’ultima volta. Ma no, in linea di principio non firmo. Vorrei vincere entrambi i titolo. Quale rivale si è rafforzata di più? Credo che tutte si siano rafforzate. L’Atlético ha fatto un’ottima squadra, con ottimi acquisti. Anche il Real Madrid ha comprato molto bene. Al di là di ciò che viene detto, sono gli stessi e hanno preso giocatori importanti come Hazard. La Juventus ha comprato molto bene, anche il City. Nel complesso, penso che tutte le grandi squadre si siano rafforzate“.

Barcellona, clamoroso scenario per Messi se non dovesse rinnovare coi blaugrana