Fiorentina, Pradè consiglia Chiesa: Nardella parla di stadio e centro tecnico

La Fiorentina ha conquistato il primo punto in campionato. Importanti parole di Pradè su Chiesa e di Nardella sullo stadio

Bella prestazione della Fiorentina sabato pomeriggio contro la Juventus. I viola hanno giocato meglio dei bianconeri, ma hanno conquistato soltanto un punto, il primo in campionato. Ai microfoni di ‘Radio anch’io Sport’ su Rai Radio1 ha parlato Daniele Pradè: “Il futuro di Chiesa? Federico deve pensare al presente, si deve divertire ed è rientrato sorridente, è rientrato come un giocatore importante. deve riprendere sé stesso, cosa che non ha mai perso. E’ stato messo in discussione per una partita in Nazionale e poi si è riscattato in quella successiva: è forte e giovane, deve lavorare e crescere per diventare quello che deve diventare, e cioè un campione”. “Dobbiamo alimentare l’entusiasmo che ha portato Commisso, è un imprenditore che vuole lasciare qualcosa a Firenze, vuole fare un centro sportivo e lo stadio per renderci più competitivi”, prosegue il ds della Viola. Castrovilli titolare contro la Juve e autore di una grande prestazione: “E’ un giocatore moderno, una mezz’ala che ha inserimento, corsa e visione ma lasciamolo lavorare, non voglio che si distragga. Abbiamo molti giovani ed è questo il nostro percorso”, precisa Pradè. Infine una riflessione sulla Juventus incontrata sabato al Franchi.Sarri è un allenatore che ha bisogno di tempo per portare le proprie idee, si tratta di una squadra fortissima e non può essere messa in discussione per un pareggio”.

Il sindaco Dario Nardella, ospite ai microfoni di ‘Lady Radio’, ha invece parlato della questione stadio: “Per quanto riguarda il futuro stadio della Fiorentina le uniche due opzioni vere, reali e concrete sono o il restyling del ‘Franchi’ o costruire un nuovo stadio. Il restyling del ‘Franchi’ ha delle complessità tecniche importanti e comporta qualche costo in più ma ha il vantaggio di ridare vita ad uno stadio del quale altrimenti dovremmo trovare una nuova destinazione mentre il nuovo stadio ha il vantaggio di avere la variante urbanistica già fatta, che le procedure amministrative sarebbero più veloci e forse i costi più bassi”. Sulla prestazione della squadra contro la Juventus, Nardella ha aggiunto: “C’era un certo Cristiano Ronaldo che è rimasto 90 minuti in campo e poi anche le cosiddette riserve che erano sul terreno di gioco, fra Cuadrado e gli altri, non erano certo da meno. Abbiamo avuto una Juventus a pieno organico che ha schierato tutti i suoi compagni, lo dico da tifoso, inutile cercare alibi: non ha demeritato la Juventus, ha meritato la Fiorentina che ha giocato benissimo. Firenze ha vinto, ha vinto la città, hanno vinto i nuovi dirigenti, la proprietà, Commisso, hanno vinto i tifosi ed hanno vinto i calciatori. Dobbiamo essere orgogliosi e trarre da questa esperienza di sabato tutta l’energia per poter affrontare le prossime due partite che non sono certo facili perché sono due trasferte, Atalanta e Milan, che sono due squadre molto competitive”.