Coppa Italia, Spal-Lecce: parola agli allenatori, i pensieri di Semplici e Liverani

Al termine del match di Coppa Italia, ai microfoni di Rai Sport, le parole degli allenatori di Spal e Lecce, Semplici e Liverani

Manita Spal in Coppa Italia ad un malcapitato Lecce, praticamente mai in partita. Finisce 5-1 al ‘Mazza’ di Ferrara, per i biancazzurri c’è adesso il Milan. Queste al termine del match, ai microfoni di Rai Sport, le parole dei due tecnici Semplici e Liverani.

SEMPLICI“Tenevamo molto a questa partita e in questo momento del campionato era importante disputare una buona gara e passare il turno. Nel primo tempo abbiamo fatto una ottima prestazione e abbiamo messo in cassaforte la vittoria mentre nella ripresa abbiamo fatto meno bene. La salvezza è il nostro obiettivo finale, domenica dobbiamo fare bene perché giocheremo contro una diretta concorrente. Dovremo fare una grande partita davanti al nostro pubblico. Questa è la stagione più complicata da quando alleno la Spal. Ci manca qualche punto a causa di circostanze particolari e degli infortuni. La Serie A è difficile ma proveremo a raggiungere il traguardo come abbiamo fatto in questi anni. Igor e Reca? Mi auguro che Igor arrivi in alto perché sta facendo passi da gigante. Brava la società a pescarlo in Austria. Reca sta dimostrando di avere qualità e sta lavorando in maniera importante, ha la mia fiducia. La sconfitta in casa dell’Inter? Quella di Conte è una squadra forte e attrezzata con qualità fisiche e tecniche in ogni reparto. Ha un grande allenatore e ha tutto per fare bene”.

LIVERANI “Molti giocatori senza minutaggio hanno riscontrato molti problemi. Mi aspettavo meno difficoltà ma nel secondo tempo siamo cresciuti e il risultato è troppo severo anche se la sconfitta è meritata. Non siamo pronti per giocare più competizioni. Ora dobbiamo recuperare energie perché domenica affronteremo una squadra come il Genoa con una classifica bugiarda in quella che è una partita vitale. Dobbiamo provare a dare continuità agli ultimi risultati in campionato. Mercato invernale? La sessione di gennaio sarà una finestra di riparazione e non di rivoluzione, faremo due o tre acquisti mirati per migliorare la rosa. Con la società c’è perfetta sintonia e con organizzazione e volontà possiamo mantenere la categoria. Lapadula? Abbiamo bisogno di lui perché ha la forza per dare tutto alla squadra e per fare reparto da solo. Per lui è la stagione della riscossa e sta dando un grande contributo”.