Fiorentina-Milan 1-1, le pagelle di CalcioWeb: Ibra usa troppo la mano, Vlahovic si nasconde come all’esame

Fiorentina-Milan, le pagelle di CalcioWeb, il racconto del match valido per il campionato di Serie A. Le due squadre si sono affrontate a viso aperto

CalcioWeb

Fiorentina-Milan, le pagelle di CalcioWeb – Il Milan continua il percorso di crescita, ma le ingenuità condizionano le partite della squadra di Pioli. Basta veramente poco per cambiare una squadra. Stiamo parlando ovviamente di Zlatan Ibrahimovic, lo svedese si prende i rossoneri sulle spalle. Non segna, questo è vero. Ma la sua presenza si fa sempre sentire. Ma può non bastare. L’ex Juve e Inter sblocca anche il risultato con una giocata fantastica, l’arbitro fischia per un tocco di mano. La partita cambia nella ripresa, vantaggio del solito Rebic. I padroni di casa rimangono in 10 per l’espulsione di Dalbert. Sembra tutto in discesa per il Diavolo. Cutrone dimostra la solita grinta e si procura il calcio di rigore. Pulgar segna con la solita freddezza. Finisce 1-1.

Fiorentina-Milan, le pagelle di CalcioWeb

Fiorentina:

Dragowski voto 6.5: non può nulla in occasione del gol di Rebic, per il resto difende bene la sua porta: GUARDIANO.

Milenkovic  voto 6: è il migliore della difesa viola, di testa le prende quasi tutte: GIGANTE E NON SOLO PER L’ALTEZZA.

Ger. Pezzella voto 5.5: è vero che non è molto reattivo in occasione del gol di Rebic. Ma la giocata sbagliata è di Caceres: MATITA ARANCIONE. 

Caceres voto 4.5: giocata inconcepibile sul gol rossonero, errore che condiziona ovviamente il giudizio: MATITA ROSSA. 

Lirola voto 5.5: bene in fase difensiva, un pò meno in quella di spinta: POCA FIDUCIA. 

Duncan voto 5.5: passo indietro rispetto alle ultime partite, ma una giornata di pausa ci sta: GAMBERO.

Pulgar voto 6.5: si conferma un calciatore fondamentale. E’ completo, bene nelle due fasi del gioco: PUNTUALE.

Castrovilli voto 5.5: le qualità sono enormi, oggi però non incide e viene giustamente sostituito: COSI’ COSI’. 

Dalbert voto 4: la decisione sull’espulsione è discutibile. Ma sbaglia comunque tanto: GIORNATA NO.

Vlahovic voto 5: c’è, ma non c’è. Si fa vedere troppo poco. E’ vero che viene anche servito male, non fa nulla per mettere nelle migliori condizioni i compagni per servirlo: SI NASCONDE COME PRIMA DELL’INTERROGAZIONE.

Chiesa voto 6.5: i colpi ci sono. La continuità no. Non può permettersi di assentarsi dal gioco: IL RAGAZZO C’E’.

(dal 68′ Cutrone voto 6.5: entra con la grinta di un leone e si procura anche un calcio di rigore.

(dal 73′ Igor 6)

Milan:

G. Donnarumma voto 6: costretto al cambio per un problema fisico, preoccupazione per le prossime partite: SFORTUNATO.

Conti voto 6: cresce di condizione, adesso riesce a fare la differenza in entrambe le fasi del gioco: I CONTI TORNANO.

Gabbia voto 6.5: il difensore del futuro, gioca da veterano. Invece si tratta di un calciatore alle prime esperienze: AVVERSARI IN GABBIA. 

Romagnoli voto 6,5: calciatore di grande esperienza, dirige il reparto da ottimo calciatore. Mezzo voto in meno per il contatto sul rigore: MA QUANTI DUBBI SUL PENALTY… 

Hernandez voto 6: spinge meno rispetto alle ultime partite, probabilmente è una scelta di Pioli: MINISTRO DELLA DIFESA. 

Kessie voto 6: corre per due, recupera palloni per altrettanti. Però in fase di qualità bisogna migliorare tantissimo: A LEZIONE DI TATTICA. 

Bennacer voto 6.5: una prova convincente dell’ex Empoli, oggi dimostra di essere da Milan: DI CATEGORIA. 

Castillejo voto 6: non si fa vedere molto, ma il lavoro per la squadra è molto prezioso: DI SACRIFICIO. 

Calhanoglu voto 5.5: forse è un voto troppo severo, ma ci aspettiamo di più da un calciatore così importante: TIRA FUORI IL CARATTERE. 

Rebic voto 6.5: una premessa. Non è stata la sua migliore partita. Ma fa ancora gol. E basta questo: UOMO UN PIU’. 

Ibrahimovic voto 7: il calciatore in grado di fare la differenza, segna un gol fantastico che viene annullato tra le proteste: USA TROPPO LA MANO. 

(dal 52′ Begovic voto 6: entra bene al posto di Donnarumma, non riesce a respingere il rigore)

(dal 74′ Musacchio s.v.)

(dall’80’ Saelemaekers s.v.).

Condividi