Napoli, che colpaccio! Fabian Ruiz come Picasso, lo spagnolo fa l’artista e l’Inter va KO a San Siro

La semifinale d'andata di Coppa Italia è appannaggio del Napoli, che sbanca il San Paolo con una perla di Fabian Ruiz: il racconto del match

Da calciatore ad artista è un attimo. Fabian Ruiz come Picasso, lo spagnolo disegna una traiettoria perfetta e regala il primo atto della semifinale di Coppa Italia al Napoli. A San Siro l’Inter va KO e dovrà adesso cercare di rimontare nella gara di ritorno al San Paolo.

La partita. Il primo tempo sembra tutt’altro che una sfida tra big. Soporifero, quasi da scapoli e ammogliati. Peccato che manchi la nuvoletta degli impiegati, avrebbe reso sicuramente più interessante la disputa. Ritmi bassi, squadre copertissime, poco fraseggio e manovra che ristagna a centrocampo. Nella ripresa, però, qualcosa si muove. Ma non è la nuvoletta, neanche questa volta. Accade semplicemente che le due squadre inizino a giocare a calcio. I ritmi si alzano, il palleggio è più fluido e l’Inter decide di fare la prima mossa. Come a scacchi. Un rischio. Segnare o subire. La seconda. Se i nerazzurri si scoprono e iniziano a creare, i partenopei aspettano, con pazienza. E colpiscono, in contropiede. E’ Fabian Ruiz a scambiare di prima al limite dell’area: uno-due e piattone di sinistro micidiale a giro. Padelli non ci arriva: 0-1. Che non cambierà più. Non bastano le forze fresche, tra cui Eriksen e Sanchez, non basta aver accelerato i giri del motore, non basta aver creato qualcosa. Tuttavia poco, perché il Napoli si difende bene e porta a casa il risultato. Il primo atto è di Gattuso. Nel ritorno, a Conte serve ribaltare il punteggio.

Inter-Napoli 0-1, le pagelle di CalcioWeb: i nerazzurri perdono i ‘Sensi’, Moses non apre la acque