Coronavirus, in Nicaragua si gioca ancora: calciatori in campo con mascherine e guanti!

Situazione surreale quella del Nicaragua. Tutti i campionati dell'America sono sospesi per il Coronavirus, ma lì si scende in campo con mascherine e guanti

Quando si dice più unico che raro. Tutti i campionati dell’America sono sospesi per il Coronavirus. Tutti, tranne uno. In Nicaragua si scende in campo con mascherine e guanti. Una situazione paradossale. Cacique Diriangén-Deportivo Ocotal si è giocata, nonostante tutto. I padroni di casa hanno vinto 2-0, ma a destare scalpore è stato l'”equipaggiamento” dei calciatori. Il tutto è stato denunciato, in un’intervista rilasciata al Mundo Deportivo, da Bernardo Laureiro, attaccante uruguayano del Cacique: Dobbiamo giocare e lo abbiamo fatto cercando di prendere tutte le precauzioni del caso ma tenere una mascherina sul volto durante il match è impossibile. Qui in Nicaragua per ora ci sono pochissimi casi, il Governo ha detto che ci sono tutte le condizioni per giocare. E lo faremo fino a quando non ci diranno il contrario. Con tutte le precauzioni del caso: ci cambiamo a casa, ci laviamo a casa, stiamo distanti negli allenamenti, ma poi in campo non può essere così, il calcio è un gioco di contatto“. 

Coronavirus, il dossier da brividi: “calciatori costretti a fermarsi e tante società a rischio fallimento”

Coronavirus, anche il principe Carlo positivo al test [DETTAGLI]

“Cristiano Ronaldo via per la mamma? Si mostra in piscina a prendere il sole”, durissimo attacco al portoghese

Incertezza sul futuro, è allarme Serie A! “Salta la stagione”, ma c’è un paradosso: “Ha vinto Agnelli”. Ecco dove sta la verità

“Io non parlo coi medici delle squadre”, “Ah, ora sei diventato pure virologo”: nuovo botta e risposta Lotito-Agnelli

Inter, esodo all’estero: gran parte dei calciatori stranieri lascia l’Italia