“Ho provato dolori fortissimi, non riuscivo a muovermi”: il calciatore racconta l’incubo Coronavirus

"Ho provato dolori fortissimi, mai sentiti prima. Non riuscivo a muovermi": il calciatore racconta l'incubo del Coronavirus

Jonathas, attuale attaccante dell’Elche, in un’intervista concessa al quotidiano ‘Globo’, ha raccontato la sua esperienza con il Coronavirus: “Non potevo allenarmi, il mio corpo era debole. Durante i primi tre giorni ho sofferto molto. Non avevo nemmeno la forza di muovermi. Sono andato in bagno per farmi una doccia e sono quasi svenuto. Era un dolore fortissimo, non l’avevo mai sentito. Questo virus non è uno scherzo. Ho iniziato a sentire una sensazione molto brutta, un forte mal di testa. Il medico mi ha detto di fare il test perché avevo tutti i sintomi del Coronavirus. Ora sto meglio ma nonostante sia un atleta ho sofferto molto. Immaginate come possa stare una persona anziana“. Jonathas si è ripreso, ma resta in isolamento, mentre la sua famiglia (moglie e figlie) è in Brasile.

Coronavirus, scatta l’allarme: “Se non si finisce il campionato, metà dei club chiederà il fallimento”

Coronavirus: “Messi e Ronaldo a giocare in Bielorussia. Il trattore guarirà chiunque”, la provocazione di Hleb

Repubblica, la nuova proposta per i campionati: “si parte con l’handicap”

Coronavirus, la proposta di Michele Criscitiello: “Atalanta campione d’Italia”

Coronavirus, il dramma dell’allenatore: “la bara di mio zio su uno di quei camion dell’esercito”

Coronavirus, la Liga si ferma a tempo indeterminato: il comunicato ufficiale