L’ex Reggina e Sampdoria: “mio padre ha il Coronavirus, ha avuto una polmonite”

L'ex calciatore di Reggina e Sampdoria parla dell'emergenza Coronavirus e svela una situazione personale legata ad aspetti familiari

Emiliano Bonazzoli racconta la sua storia. L’ex calciatore della Reggina ha iniziato la carriera da allenatore del calcio femminile, ma dopo le ultime esperienze è alla ricerca di un nuovo progetto da iniziare dopo l’emergenza Coronavirus. Il tecnico parla anche dell’epidemia in un’intervista a ‘Il Posticipo’. “Ho allenato fino a gennaio. Poco prima che scoppiasse il coronavirus in Italia, ho dato le dimissioni dall’Hellas Verona femminile e ora sono disoccupato. Questo nuovo lavoro è cominciato per caso. Ho smesso di giocare di punto in bianco”. 

IL CORONAVIRUS “Fino a un mese e mezzo fa vivevo a Milano. Poco prima che ci fosse il lockdown, io, mia moglie e mio figlio abbiamo deciso di trasferirci nell’isola privata di Albarella in provincia di Rovigo: io sono disoccupato, mia moglie lavora nell’Università che al momento è chiusa e mio figlio non può andare a scuola. Abbiamo scelto di venire qui finché la situazione non migliora: vedremo se prolungare o meno queste ferie forzate. Qui può entrare solo chi è residente oppure chi ha domicilio: ci sono 3-4 famiglie su 2000-3000 case, siamo immersi nella natura e non c’è il pericolo di incontrare gente o fermarsi a parlare”. 

“Purtroppo da una settimana il mio papà ha preso il coronavirus: adesso è ricoverato all’ospedale di Mantova, non è intubato, ma fa fatica a respirare perché ha avuto una polmonite. I sintomi erano quelli: lui ha quasi 70 anni ed è molto ansioso. I dottori però mi hanno detto che sta abbastanza bene. Io sento mia mamma che adesso è in quarantena. Mi dispiace che in questo momento siano divisi. Sono in contatto coi medici, per fortuna sento spesso il mio papà”. 

La fidanzata di Dybala annuncia: “Ho di nuovo il Coronavirus, ma ero risultata negativa”

L’avvocato Calcagno: “i calciatori vogliono tornare in campo, il modello Juve non è replicabile”

Coronavirus, lutto nel mondo del calcio: addio ad una bandiera, fu squalificato a vita [NOME e DETTAGLI]

Le notizie del giorno – Doppio grave lutto nel calcio, campionato cancellato e la dipendenza del calciatore

Coronavirus, Michele Uva: “Priorità campionati con coppe in estate? Al momento non è la nostra prima opzione”