Calciomercato, la FIFA cambia le carte in tavola: nuove date e contratti prorogati [DETTAGLI]

Vista l'emergenza Coronavirus anche la FIFA corre ai ripari e cambia le date del calciomercato. Novità anche per quanto riguarda i contratti

Una serie di novità per quanto riguarda i contratti dei giocatori e il sistema di trasferimento in generale. E’ quanto ha deciso la FIFA alla luce della pandemia di Coronavirus. In accordo con rappresentanti di club, giocatori, campionati, federazioni nazionali e confederazioni, la massima autorità europea ha cambiato alcune norme, approvate dall’Ufficio di presidenza del Consiglio. Queste le parole del presidente della FIFA Gianni Infantino: “La pandemia di COVID-19 ha chiaramente cambiato tutte le circostanze di fatto intorno al calcio per questa stagione. Quindi, la FIFA, insieme alle parti interessate, ha escogitato alcune idee e proposte pratiche per affrontare queste nuove circostanze. Sebbene ciò non risolva tutti i problemi, dovrebbe servire a garantire una certa stabilità e chiarezza al calcio per il prossimo futuro. Speriamo che questo sforzo di collaborazione, sotto la guida della FIFA, possa fornire un esempio positivo di come il calcio può unirsi e mostrare unità, solidarietà e spirito di compromesso per affrontare i tempi difficili che ci aspettano. Ma prima che arrivino questi tempi, una cosa deve essere chiara a tutti, soprattutto ora: la salute viene prima, molto prima del calcio”. Ma cosa cambierà?

Scadenza e inizio dei contratti dei giocatori

I contratti dei giocatori in scadenza si concludono di solito al termine della stagione. Allo stato attuale delle cose la stagione non terminerà entro i tempi prestabiliti. Pertanto, si propone di prorogare i contratti fino a quando la stagione non si chiuderà effettivamente. Stessa cosa avverrà con i contratti relativi alla prossima stagione, che entreranno in vigore quando si partirà con campionati e coppe del 2020-2021.

La FIFA incoraggia fortemente club e giocatori a lavorare insieme per trovare accordi e soluzioni durante il periodo in cui il calcio è sospeso affinché le casse delle società non risentano pesantemente dei danni provocati dal Coronavirus.

Se le parti non riescono ad accordarsi e, di conseguenza, i casi arrivano alla FIFA, i fattori da esaminare includeranno quanto segue:

  • se ci sia stato un autentico tentativo da parte del club di raggiungere un accordo con i giocatori;
  • qual è la situazione economica del club;
  • la proporzionalità di qualsiasi adeguamento ai contratti dei giocatori;
  • la posizione del reddito netto dei giocatori dopo qualsiasi aggiustamento del contratto;
  • se i giocatori sono stati trattati allo stesso modo o meno.

Finestre di mercato

Per quanto riguarda le finestre di trasferimento è necessario adeguarsi alla situazione. Di conseguenza, la FIFA sarà flessibile e consentirà di spostare le finestre di calciomercato pertinenti in modo che cadano tra la fine della vecchia stagione e l’inizio della nuova.

Coronavirus, “la fase 2 è imminente, ecco la data per la ripresa dei campionati”

Tebas: “Due date per far ripartire la Liga. Messi in Italia? Non risolve i problemi della Serie A”