Gravina sulla ripresa dei campionati: “ipotesi Serie A fino a settembre-ottobre”

Il presidente Gravina apre ad una nuova soluzione anche per il campionato di Serie A. Quella di concludere la stagione anche nei mesi di settembre-ottobre

L’obiettivo è completare la stagione di calcio. Ad ogni costo per evitare grandissimi danni non solo dal punto di vista economico, ma anche una serie di ricorsi da parte delle squadre chiamate in causa. Adesso si apre l’ipotesi di giocare la Serie A anche nei mesi di settembre e ottobre, ecco quanto dichiarato dal presidente Gravina in una intervista concessa alla Domenica Sportiva.

“Serie A fino a settembre-ottobre? E’ una ipotesi. L’unico modo serio di gestire un’emergenza seria di questo tipo è quello che dobbiamo comunque chiudere le competizioni della stagione 2019-2020 in questo anno. Stiamo lavorando su tutta una serie di ipotesi per gestire al meglio questa situazione. Una data ipotizzata per ripartire è quella del 17 maggio ma sappiamo, e lo sottolineo ancora una volta, che è una ipotesi”. Sulla soluzione settembre-ottobre: “E’ una modalità per evitare di compromettere non solo la stagione 2019-20 – conclude Gravina – ma anche la stagione 20-21, non potendo partire con certezze di riferimenti perché, con la valanga di contenziosi ai quali saremmo sottoposti da tutti i soggetti che si potrebbero ritenere lesi nei loro diritti e nei loro interessi si correrebbe davvero il rischio di fare un campionato solo nelle aule dei tribunali”. 

Coronavirus, calciatore organizza festino hard: la quarantena è a luci rosse [NOME e DETTAGLI]

Coronavirus, oggi 525 morti: è il numero più basso dal 19 marzo, il bollettino

La proposta di Casillas: “terminiamo la stagione a dicembre”