Lotito: “la condizione fisica dei calciatori è diversa dalla media, perché non possono allenarsi in sicurezza?”

Il presidente della Lazio Claudio Lotito torna a parlare della ripresa dei campionati in Serie A. L'obiettivo è tornare in campo

Il presidente Lotito continua a ribadire con forza la voglia di tornare in campo per completare la stagione. Ovviamente con le giuste misure di sicurezza contro il Coronavirus. La Lazio è pienamente in lotta per lo scudetto e può raggiungere un risultato inimmaginabile ad inizio stagione. Il numero uno biancoleste ha parlato su Lazio Style Radio, come riporta anche il profilo Twitter del club. “Nessuno vuole prendere sottogamba l’interesse della salute dei cittadini. Tutte le attività lavorative, con l’autorizzazione dei Prefetti, possono svolgere le loro mansioni purché vengano garantiti tutti i mezzi di protezione e sicurezza. Il calciatore è dotato di una condizione fisica diversa rispetto alla media e viene sottoposto h24 a controlli medici, potrebbe quindi allenarsi senza mettere a repentaglio la salute propria e delle persone accanto a lui”. 

“Per rispetto della linea comune, avevamo interrotto le sedute prima di ogni altro club, l’allenamento nel nostro caso non è un atto ludico ma professionale, ora le condizioni miglioreranno. Il Centro Sportivo di Formello è dotato di tutti i confort e mezzi di sanificazione, inoltre la struttura è tra le più grandi in Italia. Siamo in possesso da oltre un mese di mascherine, guanti ed occhiali perché già in uso per le attività ordinarie”. 

“Abbiamo deciso di mettere i calciatori nelle migliori condizioni, fondamentale che in ognuno di loro nasca un senso di appartenenza, la Lazio è una grande famiglia che ha a cuore la qualità delle vita di ogni giocatore e delle loro famiglie. Il merito va conquistato con il lavoro quotidiano, lo spirito di sacrifico e la voglia di fornire il proprio apporto al gruppo. Questo è un gioco di squadra, il singolo deve accrescere il valore del collettivo. L’allenamento è lavoro, ma la Lazio non sottovaluta il virus”. 

La stoccata: “Stranieri Juve tornati in patria? Sappiamo bene che la famiglia Agnelli è molto potente”

Serie A e scandalo calcioscommesse: si decide tutto a… briscola, Gasperini sbaglia e Preziosi lo insulta

“Scudetto ’81 ci fu tolto da Bergamo, che era designatore ai tempi di Calciopoli”: accuse dell’ex Roma Falcao