Mancini: “Campionato? Può cambiare tutto, meritiamo di tornare a vivere. Messi? Moratti ci avrebbe provato”

Roberto Mancini, Ct della Nazionale italiana, è tornato a parlare dell'Europeo e della possibile ripartenza del campionato di Serie A

Intervista esclusiva a ‘Sportmediaset’ per Roberto Mancini, Ct della Nazionale italiana. Il tecnico è tornato a parlare dell’Europeo rinviato: “Siamo una delle Nazionali più giovani quindi un anno in più d’esperienza farà migliorare il bagaglio di ognuno, sia tecnico che atletico. Sarà una tappa importante per me e per noi. Siamo riusciti a creare una squadra forte che potrà migliorare e che potrà giocare per vincere. Riportare l’Europeo in Italia dopo tanti anni, visto che l’ultimo è stato vinto nel 1968, sarebbe una cosa magnifica che vogliamo fare. Abbiamo le qualità per poterlo fare”.

Argomento caldo è la ripartenza della Serie A: “Spero si possa tornare a giocare al più presto perché il calcio è anche una cosa sociale molto importante, poi vedremo quello che accadrà. E spero che questa cosa terribile finisca presto. Ci vorrà un po’ più attenzione ma noi ci meritiamo di tornare a vivere come prima. Penso che possa accadere di tutto perché uno stravolgimento così non c’è mai stato. Difficile fare previsioni, la Juventus è in testa e resta la più forte ma tutto può succedere, potrebbero rientrare in corsa anche l’Inter e l’Atalanta. Quando ci si ferma per così tanto tempo può cambiare tutto, niente è escluso”.

Chiusura su due big del calcio. Mancini ha detto la sua su Messi all’Inter: “Se fosse rimasto presidente dell’Inter Moratti  ci avrebbe provato, come ha fatto con Ronaldo, che era uno degli attaccanti più forti del mondo, e riuscì a portarlo all’Inter. Sui giornali si legge che Messi non è molto sereno poi magari invece è la persona più felice di restare al Barcellona”. Le possibilità che Ibrahimovic resti al Milan: “Zlatan è stato uno dei più grandi attaccanti in assoluto. Lo metto sullo stesso piano di Messi e Cristiano Ronaldo, ovunque è andato ha vinto il campionato facendo sempre una valanga di gol. Anche quest’anno al Milan ha fatto bene ma non so cosa succederà in futuro“.

Si studia la ripresa degli allenamenti: la Figc invia il protocollo al ministero della Salute e dello Sport

Briatore tuona: “Gli operai rischiano il contagio e il calciatore super tutelato no? Il calcio può ripartire”