La Uefa smentisce le ultime voci: “nessuna scadenza, partite anche a luglio e agosto”

La Uefa ha deciso di smentire le ultime voci riguardanti il completamento della stagione. L'obiettivo è giocare anche a luglio ed agosto

La Uefa, attraverso un comunicato ufficiale, ha smentito il limite del 3 agosto per completare la stagione delle coppe europee. L’obiettivo sembra proprio quello di concludere tutti i campionati e le coppe, pensiero ulteriormente ribadito.

“È stata riportata dalla Zdf in Germania una frase del presidente della Uefa, che avrebbe fissato nel 3 agosto il limite per terminare l’edizione 2019-20 della Champions League – si scrive nel comunicato -. Non corrisponde alla verità. Il presidente è stato molto chiaro nel non voler porre una data limite per la fine della stagione. La Uefa sta analizzando tutte le opzioni possibili per far sì che si portino a termine sia le competizioni nazionali che le coppe europee con l’Eca e l’European League nel gruppo di lavoro istituito il 17 marzo. Naturalmente la priorità per tutti resta la salute pubblica. Di conseguenza, vanno trovate soluzioni per la calendarizzazione di tutti gli eventi. Attualmente sono al vaglio opzioni per giocare partite a luglio e ad agosto, se necessario, a seconda delle date di ripresa e dell’autorizzazione delle autorità nazionali”.

Serie A, le condizioni per la ripartenza: allenamenti a gruppi, tamponi, test e rientro degli stranieri

Uefa disposta a tutto pur di concludere: le ipotesi sul piatto, da quella attuale a soluzioni ‘rapide’