“Mi sentivo strano e avevo più caldo del solito”, Rugani sulla positività al Coronavirus

Il difensore della Juventus Daniele Rugani è stato uno dei calciatori positivi al Coronavirus. L'esperienza dello juventIno

“Due giorni dopo la partita con l’Inter, dopo l’allenamento mi si è alzata la temperatura, mi sentivo strano e avevo più caldo del solito”. Sono le dichiarazioni di Daniele Rugani  in un’intervista a Sky Sport, il calciatore della Juventus ha parlato dei momenti difficili della positività al Coronavirus.

“Sto molto bene, di buon umore, il peggio è passato. Ho passato un mese particolare, l’importante è che sia andato tutto bene. Nel male mi ritengo fortunato di aver avuto sintomi leggeri. A casa mi sono misurato la febbre e stava salendo. Per sicurezza ho deciso di andare in ritiro alla Continassa e poi giustamente i dottori hanno fatto il loro lavoro in modo giusto, controllando meglio la situazione”.

“Il giorno dopo la febbre era scesa a 36. Ci siamo spaventati, piano piano ci hanno tranquillizzato i dottori perché la malattia non dava problemi in gravidanza. La situazione è stata in crescendo, ci ha dato forza ed energia positiva. Ci ha aiutato tantissimo”.

Tragedia nel calcio, morto difensore a 24 anni. Il club: “riposa in pace” [NOME e DETTAGLI]