Champions League, la Uefa: “lockdown a Lisbona? Non abbiamo un Piano B”

Lisbona in lockdown per il Coronavirus, la Uefa non prepara il Piano B per la fase finale della Champions League, tutti i dettagli

Lisbona si prepara al lockdown a causa del Coronavirus, la Uefa non preparano il piano B per la fase finale della Champions League. La conferma è arrivata direttamente dal massimo organismo del calcio continentale, attraverso L’Equipe: “La Uefa è in contatto permanente con la Federcalcio portoghese e le autorità locali. Speriamo che tutto vada bene e che sia possibile organizzare il torneo in Portogallo. Per il momento non c`è motivo di avere un piano B. Stiamo monitorando la situazione su base giornaliera e ci adatteremo, se dovremo farlo”. Al momento, a Lisbona, i cittadini possono uscire solo per acquistare beni di prima necessità o per recarsi al lavoro, provvedimento previsto fino al 14 luglio.

Il CTS: “tifosi allo stadio? Si può fare, pronti a rivedere la nostra posizione”