Lotta Scudetto – Juve (forse) salva, ma a breve potrebbe accadere il finimondo: ecco perché. Il calendario

Lotta Scudetto chiusa ma forse no: corre solo l'Atalanta, le altre giocano a chi "perde di meno". Cosa potrebbe accadere la prossima giornata

Scudetto sì, poi forse, poi c’è la Lazio, il Coronavirus, la Lazio scompare, la Juve pure, l’Atalanta si mette in mezzo, l’Inter la può riaprire. Insomma, nonostante le giuste distanze dalla vetta, la lotta per il primo posto si può dire tutt’altro che chiusa ad oggi, a cinque giornate dal termine. Ed il merito, anzi il demerito, è di (quasi) tutti: una Juve distratta, una Lazio spenta, un’Inter inconcludente. Nessuno avanza. E così, tra i tre litiganti, si inserisce l’unica da un mese a questa parte degna di meritare la vetta: l’Atalanta.

Manca l’Inter all’appello, ma…

Ma forse è troppo tardi, a guardare il calendario. Prima di fare tutte le analisi del caso, però, bisogna specificare che manca l’Inter all’appello, impegnata questa sera in casa della Spal. I pronostici, ovviamente, propendono tutti verso la squadra nerazzurra. Che, quasi quasi senza volerlo, si ritroverebbe a -6 dalla capolista in caso di vittoria. Sì, senza volerlo. Perché, così come la Lazio (e la Juve stessa), l’undici di Conte sembra non voler neanche cogliere quelle poche opportunità che ha per vincere lo Scudetto. Ha fallito diversi match point, tra Sassuolo, Bologna e Verona, per non dimenticare la rocambolesca vittoria di Parma. Ma siccome le altre due vanno ancora più piano, oggi Lukaku e compagni, oltre ad avvicinare la Juve, offrirebbero l’assist alle altre due per tenere ancora vivo il campionato.

Il prossimo turno potrebbe accadere il finimondo

Il motivo spunta fuori soprattutto dando uno sguardo al prossimo turno. A spiccare su tutte è Juventus-Lazio. Qualche mese fa, se il Covid non fosse mai esistito, sarebbe stato un big match bello e buono. Tra prima e (allora) seconda, tra la squadra più forte sulla carta e quella più lanciata, fresca e cinica. Fermatevi un attimo. Solo nei sogni, tutto questo. O nelle previsioni pre pandemia. Oggi parliamo di una sfida tra due “morte”, tra due squadre che cercheranno di sbagliare il meno possibile. Chi compie meno errori vince, sostanzialmente. Ed è vero che questa Lazio, come dimostrato, ad oggi perderebbe con chiunque, ma non è che questa Juve sia messa meglio. E, siccome il calcio è strano e ogni partita fa storia a sé, un clamoroso sgambetto biancoceleste allo Stadium (quest’anno la squadra di Inzaghi ha battuto per due volte quella di Sarri) aprirebbe un mondo del tutto nuovo. La stessa Lazio andrebbe a -5 dalla vetta, l’Inter a -3 (ma oltre a vincere stasera dovrebbe vincere a Roma) e l’Atalanta a -4 (ma va a Verona). Insomma, il putiferio. Eccolo qua.

JUVENTUS 77
INTER 74
ATALANTA 73
LAZIO 72

Questa potrebbe essere la situazione al termine della prossima giornata, la 34ª, con soli quattro turni alla fine. Un campionato praticamente riaperto, con tutte e quattro ancora in lizza per vincere. Un sogno, oltre che per i tifosi delle rivali bianconere, anche per tutti quei supporter “neutrali” che desiderano un po’ più di competitività ed equilibrio in un torneo che non regala più molto da anni da questo punto di vista.

La realtà è un po’ diversa

Ma vi blocchiamo subito. I sogni sono belli, ma la realtà è un’altra. Qui in basso c’è il calendario delle prime quattro in classifica da qui alla fine. Basta dare una rapida occhiata per farsi un’idea. La mini classifica proposta sopra, lo sa bene anche chi scrive, al momento è di difficile realizzazione. Oltre al miracolo allo Stadium, ci sarebbero da considerare le avversarie di Inter e Atalanta, entrambe in trasferta (Roma e Verona). E poi, anche qualora dovesse avverarsi tutto ciò, sembra essere proprio quello della Juve il calendario più semplice nelle ultime quattro. Lo proponiamo di seguito. In maiuscolo le partite in trasferta.

JUVENTUS 77

34ª giornata: Lazio

35ª giornata: UDINESE

36ª giornata: Sampdoria

37ª giornata: CAGLIARI

38ª giornata: Roma

ATALANTA 70

34ª giornata: VERONA

35ª giornata: Bologna

36ª giornata: MILAN

37ª giornata: PARMA

38ª giornata: Inter

LAZIO 69

34ª giornata: JUVENTUS

35ª giornata: Cagliari

36ª giornata: VERONA

37ª giornata: Brescia

38ª giornata: NAPOLI

INTER 68

33ª: SPAL

34ª giornata: ROMA

35ª giornata: Sampdoria

36ª giornata: GENOA

37ª giornata: Napoli

38ª giornata: ATALANTA