Carceri: cavillo da coronavirus, rischio scarcerazione per uomini clan Inzerillo

Palermo, 22 lug. (Adnkronos) – Un cavillo da coronavirus rischia di fare scarcerare gli uomini del clan Inzerillo. Accade a Palermo dove un errore potrebbe fare uscire dal carcere 33 indagati nel procedimento ‘New connection’. Il gup del tribunale di Palermo, Elisabetta Stampacchia, ha dichiarato nulla la richiesta di rinvio a giudizio, perché presentata tre giorni prima del termine minimo di 20 giorni dall’avviso di conclusione delle indagini. A notare il cavillo sono stati i legali. I pm della Procura avevano depositato l’avviso di chiusura indagini il 5 maggio, periodo del lockdown. Mentre per legge per legge i termini erano sospesi fino all’11 maggio.