Inter, 20 punti persi da situazioni di vantaggio. E nel girone di ritorno sarebbe settima. Che sia questo il vero valore della squadra di Conte?

Con la rimonta subita a Verona, l'Inter ha buttato via 20 punti da situazioni di vantaggio. E nel girone di ritorno sarebbe settima

Una gara approcciata male. Il Verona in vantaggio dopo meno di un minuto e con altre due clamorose occasione per il raddoppio. Poi la rimonta ad inizio ripresa e tre punti che sembravano essere in tasca. Ma a cinque minuti dalla fine il gol di Miguel Veloso ha riportato l’Inter al quarto posto, dietro all’Atalanta. Può essere riassunta così la serata della squadra di Conte al ‘Bentegodi’. E non è la prima volta che capita, anzi. Con i 2 “lasciati” ieri sono 20 in totale i punti persi dalla squadra di Conte da situazione di vantaggio. E lo stesso allenatore nerazzurro ha sottolineato questo dato nel post-partita, ai microfoni di ‘Sky Sport’: “Si tratta di una statistica che deve farci riflettere e ci deve spingere a migliorare ancora di più. Senza questi punti persi per strada oggi staremmo parlando di un’altra classifica. Bisogna essere più bravi a gestire certe situazioni”.

E con la rimonta di Verona sono nove quelle subite dall’Inter: Parma (da 1-0 a 2-2), Fiorentina (da 1-0 a 1-1), Atalanta (da 1-0 a 1-1), Lecce (da 1-0 a 1-1), Cagliari (da 1-0 a 1-1), Lazio (da 1-0 a 1-2), Sassuolo (da 3-2 a 3-3) Bologna (da 1-0 a 1-2) e appunto Verona (da 1-2 a 2-2). Ed ecco che il famoso salto di qualità viene a mancare. Un ennesimo boccone amaro da mandar giù, la delusione per non riuscire a fare quello step che attende Conte. E il mercato di gennaio non è bastato. D’accordo sono arrivati i rinforzi sulle fasce ma poco altro. E conte si è più volte lamentato delle lacune in rosa. Il livello tecnico di alcuni calciatori è inadatto a certi livelli e si vede. Tra infortuni e coperta corta, Conte si è dovuto affidare spesso a dei rincalzi. E i risultati lo dimostrano. L’Inter è settima per punti conquistati nel girone di ritorno. Solo 19. Con sei squadre che hanno fatto molto meglio: Milan e Sassuolo (24), Lazio (25), Napoli e Juventus (27), Atalanta (31). Sei squadre a precedere i nerazzurri. Che sia questione di mentalità o di cali di concentrazione, sono troppi i punti buttati via dalla squadra di Conte. Troppi per una squadra che vuole spiccare il volo, ma troppi anche per chi vuole arrivare seconda o terza. Il quarto posto è da considerarsi un mezzo miracolo fatto da Conte per questa stagione. La rosa nerazzurra è nettamente inferiore a quelle delle squadre che le stanno davanti (e dove non lo è ci sono progetti che vanno avanti da anni, con lo stesso allenatore, con gli stessi calciatori, una programmazione rispetto alla tabula rasa dell’estate dell’Inter), ma anche a quelle di Napoli e Roma, che sono dietro per diversi motivi. Un’Inter dunque che ha ottenuto più di quanto vale. E forse è questo il vero valore della squadra di Conte.