Messi via dal Barcellona? Dove giocherebbe in Italia e chi potrebbe permetterselo

Messi e il mancato rinnovo al Barcellona è la notizia del giorno. In attesa di sviluppi, si fanno largo le ipotesi: dove giocherebbe in Italia?

Messi-Day. Anzi, #Messiday. In linguaggio social, così potremmo definire la giornata di oggi, perlomeno per ciò che circola negli ambienti pallonari. La bomba proveniente dalla Spagna e riguardante la decisione dell’asso argentino di non voler rinnovare con il Barcellona ha stuzzicato la fantasia di molti tifosi, italiani e non. In altra pagina abbiamo raccontato infatti l’ironia e i sogni degli utenti sul web, ma anche spiegato quale potrebbe essere la verità dietro una scelta da definirsi comunque coraggiosa. Quindi le motivazioni dietro una conferma a vita al Barça o quelle su un possibile addio, comunque difficile.

E qualora, magari anche nel futuro prossimo, dovesse farsi strada questa ipotesi? Non mancherebbero di certo le pretendenti in Europa, che dovrebbero accaparrarsi “soltanto” (si fa per dire) l’ingaggio. Tralasciando l’estero, sui cui sarebbe facile pensare al Psg, allo United o al City (ha dato via Sané e c’è Guardiola, almeno per ora), come siamo messi in Italia? In quali squadre potrebbe giocare nel nostro paese e chi potrebbe permetterselo? Qualche mese fa affrontammo già la questione, ma nel post lockdown tante cose sono cambiate.

Messi InterINTER – Per tutta una serie di motivi sembrerebbe la candidata numero uno. Una proprietà “fresca”, nuova, capace e vogliosa di spendere e di farlo in un certo modo. Ma, soprattutto, determinata a tornare grande in Italia e non solo. Gli ultimi acquisti, oltreché gli obiettivi, lo dimostrano, e non per niente anche nel recente passato l’asso argentino è stato accostato ai nerazzurri.

JUVENTUS – Siamo sul nì. Considerando la rosa, i grandi nomi, il fatturato e la super crescita economica del club, sarebbe un sì. Considerando però l’esborso per Cristiano Ronaldo e De Ligt, le difficoltà estive nel piazzare gli esuberi ed un monte ingaggi importante, sarebbe un no. C’è poi il fattore età: oltre all’olandese arrivato questa estate, l’acquisto di Kulusevski e lo scambio Arthur-Pjanic fanno capire le intenzioni della società, quelle di “svecchiare” piano piano la rosa.

ROMA – Mesi fa scrivemmo che, col passaggio di proprietà ormai alle porte (a febbraio era cosa fatta), il nuovo magnate Friedkin avrebbe potuto anche farcelo un pensierino, considerando le capacità economiche e l’idea di – magari – inaugurare la sua nuova avventura con un colpo che avrebbe infiammato i tifosi. Al di là di quelle che sarebbero poi potute essere le sue reali intenzioni, ad oggi non può considerarsi neanche un sogno. Friedkin non è andato via, ma le cose con Pallotta sono cambiate e ovviamente, al momento, l’attuale proprietà è concentrata su ben altre questioni.

messi napoliNAPOLI – Anche qui siamo di fronte ad un qualcosa di molto complesso. Il solo ingaggio sarebbe comunque una cifra fuori portata per la proprietà partenopea, che potrebbe pensarci solo in funzione di grosse plusvalenze. Ma quando si parla di campioni argentini, l’accostamento al Napoli non si può non proporre, in considerazione dell’accoglienza che Messi ebbe nella sfida di Champions di qualche mese fa e di tutta una serie di eventi e indizi storici. Qui, più che sogno, è romanticismo.

FIRENZE – Questa è invece una suggestione. Le capacità economiche di Commisso, legate alla sua voglia di spendere ed investire in una città come Firenze, sbattono però contro l’idea (corretta) di programmazione a medio-lungo termine. Predica da quando è arrivato che molto passa dalle strutture e dallo stadio, e come dargli torto. Messi, quindi, ad oggi è il nulla più totale. Ma riecheggiano a tal proposito le sue parole di circa quaranta giorni fa a SportMediaset: “Belotti e Paquetà mi piacciono, ma per adesso è dura. Vi dico i miei desideri? Se devo sognare qualche giocatore dico Messi e Cristiano Ronaldo, Mbappè. Si può sognare ma non si può fare, almeno per adesso. Più avanti si vedrà”.

Messi-Barcellona, tutte le verità sulla vicenda rinnovo: tra i “sì” e i “no” di una decisione coraggiosa. E due accostamenti particolari con l’Italia…

Messi via dal Barça, social (di nuovo) assaltati! Tifosi di Inter e Napoli scatenati, tra sogni e ironia [GALLERY]

Bomba clamorosa dalla Spagna: Messi non vuole rinnovare col Barça, la Serie A torna a sognare