Serie C, a tutto Ghirelli: l’inizio del prossimo campionato e le riforme

Il presidente della Lega Pro Francesco Ghirelli ha affrontato argomenti importanti legati al futuro del campionato, notizie sulla riforma

La Serie C programma il futuro. La stagione è ancora in corso con i playoff, ma già si pensa al prossimo campionato. Intervista al quotidiano La Voce di Mantova per il presidente della Lega Pro Francesco Ghirelli. “E’ un torneo particolare. Entrano nuove squadre e bisogna vedere come reagiscono dopo tre mesi abbondanti di stop. Ci sono sempre delle incognite. Le squadre con delle doti tecniche elevate sono quelle più avvantaggiate. La sorpresa più rilevante secondo me è la vittoria della Juve U-23 in Coppa Italia, con una formazione molto giovane. I risultati sono inerenti alla realtà. Certo sono delle partite strane, perché negli anni scorsi, ricordo, che c’erano gli stadi pieni. Adesso, invece, si gioca nel deserto. Questo può incidere. La prossima stagione? Il 27 settembre si ricomincia a giocare”. 

LE RIFORME “Noi siamo la Lega che ha più bisogno di riforme. Cinque anni fa ci siamo autoriformati passando da 90 a 60, ma il numero delle squadre non è l’elemento decisivo, bensì la conseguenza di una riforma. Bisogna chiedersi piuttosto se il calcio italiano è in grado di ragionare a sistema. Chi parte dal numero non vuole la riforma. Le riforme sicuramente non partiranno dalla stagione 2020/2021, come paventato qualche mese fa da qualcuno”.