Chi è Dan Friedkin, nuovo proprietario della Roma: dalla Toyota al cinema passando per gli aerei da guerra

Dan Friedkin è il nuovo proprietario della Roma. Ma chi è e di cosa si occupa il magnate statunitense? Andiamo a conoscerlo meglio

Dan Friedkin è il nuovo proprietario della Roma. Quasi un anno di trattative per l’acquisizione del club giallorosso e una valutazione che si è abbassata dagli 800 milioni iniziali ai 591 finali. E se nei mesi del lockdown il passaggio di consegne sembrava naufragato, è nelle ultime settimane che si è velocizzato il tutto. Ma chi è Dan Friedkin? Di cosa si occupa? Andiamo a conoscerlo meglio.

Chi è Dan Friedkin: dalla Toyota al cinema

Dan Friedkin
Photo by Frederick M. Brown/Getty Images

Classe 1965, nato a San Diego in California ma texano d’adozione, Thomas Daniel Friedkin è il magnate statunitense a capo di un impero con 5.600 dipendenti e 12 società facenti capo alla holding di famiglia. Ereditata dopo la morte del padre Thomas nel 2017, lui che ricopriva la carica di CEO dal 1995, la compagnia texana ‘The Friedkin Group’ con base a Houston è presieduta proprio da Dan. Dan Friedkin è re della Toyota negli Usa. Ha un patrimonio personale da 4,1 miliardi di euro. Tra gli interessi del gruppo ci sono sicuramente le auto, ma anche alberghi e cinema. Piccolo excursus sulla vita privata. Si è laureato alla prestigiosa Georgetown University di Washington, e ha conseguito un master presso la Rice University. E’ sposato con Debra ed è padre di quattro figli. Risiede a Houston in Texas, ha due fratelli (Tomisu e Kenneth) oltre alla sorella Dorothy.

Ha una licenza di pilota d’aereo che gli ha assegnato il raro privilegio, comune solo ad altri nove piloti civili, di prendere parte alla formazione dei voli acrobatici dell’Air Force. Il magnate americano è proprietario di tanti resort di lusso e organizza eventi di golf e safari. Si è occupato anche di cinema come produttore esecutivo di ‘The Square’, vincitore della Palma d’Oro a Cannes nel 2017, il film su Paul Getty ‘All the Money in the World’ e ‘The Mule’ di Clint Eastwood.

Toyota Center
Photo by Tim Warner/Getty Images

Fanno capo alla sua società Toyota, GSFSGroup, GSM, AutoLogistics statunitense e Ascent Automotive Group nel settore automobilistico; per quanto riguarda l’area alberghiera trovano posto Auberge Resorts Collection, Congaree e Diamond Creek, mentre la sezione avventura è riservata da Legendary Expeditions. Non manca nemmeno lo spettacolo con Imperative Entertainment, 30WEST e NEON. Anche le ambizioni di manager di una squadra sportiva non sono inedite per Friedkin, visto che due anni fa ha tentato l’acquisto della squadra di basket Nba degli Houston Rockets, senza successo.

aereo da guerra
Photo by Glenn Hunt/Getty Images

Friedkin possiede la più grande collezione d’America di vecchi aerei da guerra. Non è un caso che tra le attività lavorative rientrano Horseman Flight Team (unica squadra acrobatica di formazione Mustang P-51 al mondo) e l’Air Force Heritage Flight Foundation, che offre spettacoli di volo in tutto il mondo. Si è contraddistinto infine per la sua attività filantropica donando 396 milioni di dollari. Recentemente si è attivato per preservare 6 milioni di acri in Tanzania, per la difesa dell’ambiente e per la conservazione della fauna selvatica che ha registrato importanti iniziative.

Secondo Forbes, Friedkin si pone al 187° posto della classifica dei paperoni americani e al 504° nel mondo. Ora, dopo mesi e mesi di trattative, è diventato proprietario della Roma. Un viaggio lungo ed estenuante, ma in cui la volontà di entrambe le parti era quella di chiudere e di incrociarsi. E si sa che tutte le strade portano a Roma…

“Ecco cosa mi aspetto da Friedkin, qui non si viene per fare i turisti”: le reazioni dopo la cessione della Roma