Dzeko-Juve, i retroscena sulla telefonata di Pirlo e sulla moglie del bosniaco: chiusura sempre più vicina

Edin Dzeko è sempre più vicino alla Juve. Spuntano due retroscena: una telefonata di Andrea Pirlo e il parere decisivo della moglie del bosniaco

Andrea Pirlo vuole disegnare la sua Juve anche sul mercato. Ecco perché il neo-allenatore bianconero interviene direttamente nelle trattative. Dalle telefonate a chi non rientrava nel suo progetto si è passati a quelle ai futuri suoi giocatori. A cominciare da Edin Dzeko. Il fatto che la Juve stia cercando con insistenza un numero nove è indizio di come Pirlo voglia giocare con un tridente pesante (Cristiano Ronaldo, Dybala e il futuro attaccante). Secondo il ‘Corriere dello Sport’, c’’è stato un contatto telefonico tra Pirlo e lo stesso Dzeko per far capire al bosniaco come sia la prima scelta ed esprimergli la stima nei suoi confronti. Poche parole, significative: “sei un campione”, e lezioni di come si immagina la Juve con il bosniaco in campo. Un Dzeko centravanti e finalizzatore spietato ma anche regista offensivo, ancor più di Dybala. A Roma, infatti, si è distinto anche per il suo lavoro di protezione palla e impostazione in fase di ripartenza della manovra.

E poi c’è Amra, moglie del calciatore, che rilascia un’intervista in Bosnia per parlare della sua gravidanza (la quarta, terza con Edin) ormai agli sgoccioli. E che, come riporta ‘La Gazzetta dello Sport’, invece non fa accenno al futuro del marito. E le speranze dei tifosi della Juve aumentano perché la signora Dzeko ha sempre svolto un ruolo fondamentale per le decisioni del centravanti: dal no al Chelsea a quello all’Inter. Stavolta Amra si è defilata, la scelta sportiva è e sarà solo e soltanto di Dzeko. Intanto, alla rivista bosniaca ‘Ljepota&Zdravlje’, che le dedica la copertina, Amra racconta anche la quotidianità con il marito: “Edin è estremamente premuroso sia come marito come padre ed è molto presente in tutto ciò che accade. Mi assicuro sempre che si riposi abbastanza e questo è uno dei motivi per cui dormo con i bambini perché ha un sonno molto leggero e ogni rumore lo sveglia. Quando abbiamo un po’ di tempo libero lo trascorriamo insieme, godiamo delle piccole cose come le passeggiate e lui ama portare i bambini all’asilo o alle loro attività. Il nome della bambina che sta per nascere? Non lo abbiamo ancora scelto, abbiamo un paio di idee su cui essere d’accordo”.

Juve, McKennie si presenta: “Cresciuto guardando questi giocatori. Darò il 100% in ogni gara”