L’ex presidente FIGC Abete: “la riapertura degli stadi? Non è ancora il momento”

L’ex presidente della Figc Giancarlo Abete ha affrontato l'importante argomento della riapertura degli stadi dopo la pandemia

La stagione di calcio è da poco terminata, ma già si pensa alla ripartenza. Un argomento molto importante è quello del ritorno allo stadio dei tifosi, la situazione sembra ancora in alto mare. Ecco quanto dichiarato dall’ex presidente della Figc Giancarlo Abete in un’intervista all’Italpress. “La riapertura degli stadi? Il problema va inserito nel contesto del Paese: di fronte alla crescita dei contagi e ad alcune restrizioni decise negli ultimi giorni dal Governo non è questo il momento opportuno. Resta comunque un discorso aperto: va verificato anche ciò che fa l’Uefa in relazione alle competizioni internazionali. C’è già un gran dibattito sulla partecipazione del pubblico alla Supercoppa europea”. 

“La problematica del Covid-19 non è risolta, quindi bisogna andare avanti con responsabilità e prudenza. La partita ora si gioca sulla responsabilità dei cittadini e sui protocolli sanitari, che dovranno essere compatibili con le condizioni della ripresa. Si tratta di monitorare costantemente la situazione italiana e inquadrarla nel contesto internazionale, perchè ci sono paesi come Francia e Spagna che stanno anche peggio di noi”.

“Il presidente Gravina sta rappresentando le istanze del calcio con equilibrio e in un mese tante cose possono cambiare, speriamo in positivo: sarebbe una forma di presunzione e irresponsabilità individuare oggi un punto di equilibrio sui nuovi protocolli e anche sulla possibile riapertura degli stadi. Servono scelte responsabili nella speranza di poter tornare a giocare con il maggior numero possibile di spettatori”.